Fachiro, chi è in realtà questa figura?

Quando si vede una persona “stoica”, apparentemente capace di sopportare qualsiasi cosa, lo si apostrofa come “fachiro”, ma essenzialmente a cosa si fa riferimento quando si usa questo termine?

Secondo la definizione più comune, un fachiro è un asceta indiano dedito a pratiche mistiche che consentono un controllo totale sulle sensazioni dolorose.

In origine, però, si ci riferiva ai dervisci musulmani, diffusi soprattutto in Anatolia e in Persia, i quali vivevano nella più assoluta povertà; in seguito, fu usato per indicare anche i mendicanti indù noti per la dedizione allo yoga e a pratiche mistiche.

I fachiri indiani si contraddistinguono per la loro insensibilità al dolore, ma anche la capacità di ottenere cibo e rispetto presso le più povere popolazioni indiane mediante le loro presunte capacità sovrannaturali, quali la levitazione e l’invisibilità.

Più in generale, i fachiri sono capaci di controllare la fame, governare la fatica sono in grado di resistere al dolore.

Tali pratiche sono poi con il tempo arrivate in occidente, dando vita a quelli che vengono definiti ‘fachiri da spettacolo’, che si esibiscono per le strade o nei circhi.

Loading...
Potrebbero interessarti

Pantherofobia, hai paura di tua suocera

Tranne in casi rari ed eccezionali, il rapporto con la madre ed…

Francia, per due anni nasconde la figlia nel bagagliaio

Una storia agghiacciante, che lascia sconcertati per la “facilità” con cui, in…