Fare figli come i conigli: ecco il senso del curioso detto

Molti detti popolari sono strani o particolari, ma c’è n’è uno che è particolarmente curioso: quante volte, a chi ha molti figli, viene detto che “fa figli come i conigli”?
Ma cosa vuol dire letteralmente questo detto? Questi animaletti bianchi e furbi hanno un’intensa vita sessuale? Fanno molti cuccioli?

Si e no: questo detto è legato al gran numero di coniglietti che riescono a nascere ad ogni parto, ma è legata anche alla speciale fisiologia della femmina di questo animaletto.

La coniglia possiede infatti un utero duplice costituito cioè da due corna distinte, ognuna con un suo collo, lunghe circa 10-12 cm e larghe da 4 a 6 mm, unite solo mediante le estremità caudali. Ecco perché riesce ad avere fino a 14 cuccioli.

Se uno dei due è impegnato, durante gli accoppiamenti, che vengono effettuati mentre è ancora in corso una gravidanza, l’ovulo fecondato si insedia in quello ancora disponibile.

Ma c’è si più: può capitare che siano entrambi occupati. Se è così, durante il secondo accoppiamento l’ovulo, liberato dalle ovaie grazie ai movimenti effettuati durante l’amplesso, incontra una parte degli spermatozoi del primo accoppiamento, conservati a monte dei feti in via di sviluppo. E una seconda gravidanza inizia quando la prima non è ancora terminata.

E per finire, il “segreto” dei conigli è che non sono soggetti al calore come altri mammiferi, ma sono sempre fertili, anche subito dopo aver partorito fino a sette o otto figli. In cattività questa caratteristica va pian piano scemando, ma in generale si può tranquillamente affermare che è possibile avere coniglietti per tutto l’anno.

Next Post

Clima, per il ministro Ceresani il riscaldamento globale è colpa di Satana

Negli ultimi anni, e con gli ultimi cambi di governo, ne abbiamo visti tanti di ministri che sembravano poco adatti al ruolo che andavano a ricoprire. Ministri dell’istruzione senza laurea, ministri che vedevano i neutrini attraversare tunnel e raggiungere il Gran Sasso, ministri che avevano la conoscenza della geografia dei […]