Fast Radio Bursts: quei misteriosi segnali radio dallo spazio

I misteriosi segnali radio da 1,5 miliardi di anni luce di distanza, per la seconda volta intercettati dai radiotelescopi.

Le “Fast Radio Bursts” (FRB) sono lunghe solo un millisecondo e sono state rilevate per la prima volta accidentalmente nel 2007, quando un segnale “burst” è stato individuato nei dati di ricerche di radioastronomia.

Le “esplosioni radio” provenienti dallo spazio estremo che gli esperti suggeriscono potrebbero essere la prova che gli alieni siano stati intercettati per la seconda volta.

La nuova scoperta riportata sulla rivista Nature è stata osservata da un team di astronomi guidato dai canadesi nella caccia agli FRB, la scorsa estate.

La maggior parte degli scienziati ritiene che siano generati da potenti fenomeni astrofisici come i buchi neri o le stelle di neutroni superdensi. Ma alcuni hanno suggerito altre teorie molto intriganti.

Il professor Avid Loeb, del Centro per astrofisica di Harvard-Smithsonian negli Stati Uniti, sostiene che potrebbero essere la prova di una tecnologia aliena incredibilmente avanzata.

Nella scoperta dello scorso anno, il team ha rilevato 13 dei flash, utilizzando un nuovo tipo di radiotelescopio il Canadian Hydrogen Intensity Mapping Experiment (Chime).

Di oltre 60 FRB rilevati fino ad oggi, sono state rilevate solo una volta, dal radiotelescopio di Arecibo a Porto Rico nel 2015.

Da dove provengono gli FRB non è noto, anche se si pensa che provengano da miliardi di anni luce al di fuori della nostra galassia, la Via Lattea.

La dott.ssa Ingrid Stairs, della University of British Columbia, Canada, ha affermato: “Fino ad ora, c’era solo un noto ripetitore FRB“.

Sapere che ce n’è un altro suggerisce che potrebbe esserci di più là fuori e con più ripetitori e più fonti disponibili per lo studio, potremmo essere in grado di capire questi enigmi cosmici, da dove vengono e che cosa li causa“.

La maggior parte dei 13 FRB ha mostrato segni di “dispersione” che suggeriscono che le loro fonti potrebbero essere potenti oggetti astrofisici in luoghi con caratteristiche speciali, hanno detto gli scienziati.

Il membro del team, il dott. Cherry Ng, dell’Università di Toronto, in Canada, ha dichiarato: “Ciò potrebbe significare all’interno di una specie di fitto gruppo di resti di una supernova (ovvero una stella esplosa) o vicino ad un buco nero centrale di una galassia, in uno di questi particolari posti per poterci dare tutta questa dispersione“.

I nuovi FRB sono anche a frequenze radio insolitamente basse. La maggior parte degli FRB rilevati in precedenza ha avuto frequenze di circa 1.400 megahertz (MHz), ma quelli nuovi sono rientrati in un intervallo inferiore a 800 MHz.

Nel 2017 il professor Loeb e Harvard Manasvi Lingham ha proposto che gli FRB potessero essere fuoriusciti da trasmettitori alieni di dimensioni planetarie.

 

Loading...
Potrebbero interessarti

Inquinamento, dal 2015 diesel vietato in quattro grandi città

Inquinamento, il diesel sarà vietato dal 2025 in quattro grandi città. Basta…

Carte di credito clonate: truffe e denunce a Ischia

A Ischia la clonazione delle carte di credito è diventato lo sport…