Fobia sociale, sintomi esperienze e guarigione

Redazione

Si sperimenta la fobia sociale in particolar modo sentendosi nervosi in presenza di altre persone, cercando di fare buona impressione agli altri ma con la convinzione di non riuscirci in realtà.

Fobia sociale sintomi esperienze e guarigione

Fobia sociale e paura della società

A volte, la paura della società si manifesta sotto forma di fenomeni come stringere la mano, arrossire, sudorazione eccessiva, nausea o rigidità. In alcuni casi, la paura si manifesta in tali situazioni, come comunicare con estranei, parlare in pubblico, una telefonata o anche andare in un bagno pubblico.

Il più delle volte è la paura del rifiuto da parte di altre persone in diverse situazioni sociali. La persona allora ha paura di ogni tipo di critica sul proprio aspetto, comportamento o carattere.

Chi sperimenta la fobia sociale nella maggior parte dei casi si preoccupa di ciò che pensano gli altri, che lo trovino brutto, mentre altri si considerano goffi, di mentalità ristretta o impacciati.

In ogni caso, è l’opinione negativa attesa su se stessi dagli altri, l’aspettativa che altre persone noteranno qualcosa di sbagliato nel comportamento o nell’aspetto che soffrono di fobia sociale.

Alcune persone con fobia sociale temono prevalentemente le conseguenze che possono portare contatti sociali. Altri sono preoccupati per le possibili conseguenze di questi contatti, per loro è più importante conformarsi agli altri.

Fobia sociale quando è allarmante

Se la paura in determinate situazioni è abbastanza pronunciata, chi soffre di fobia sociale cercherà di evitare tali situazioni. Sarà costretto a rimanere a casa, invece di andare a una festa ad esempio.

Anche la manifestazione della fobia sociale può essere l’incapacità di comunicare con il personale nei negozi e nei centri di servizio. Al lavoro le persone con fobia sociale stanno alla larga dagli altri colleghi. Negli incontri non fanno mai domande.

Le persone sfuggono alla situazione problematica e si sforzano di ridurre al minimo il rischio di attenzione da parte di coloro che li circondano, anche in questo caso si può parlare di fobia sociale.

Quindi, puoi vestirti in modo poco appariscente, per non parlare, per evitare che le opinioni di altre persone e le loro domande rispondano in modo molto breve e conciso.

Perchè si sviluppa la fobia sociale

Quasi ogni persona nella sua vita ha sofferto in situazioni di ansia o stress. Di solito viene collegato a “situazioni difficili“, come un conflitto sul posto di lavoro con un collega, una richiesta o un discorso davanti ad un pubblico.

Se l’ansia o l’agitazione non hanno portato all’evitamento di situazioni associate a queste esperienze, la questione della fobia sociale non lo è.

La fobia sociale provoca anche molti disagi nella vita di tutti i giorni, sul lavoro o nelle relazioni interpersonali). Se il problema non è troppo preoccupante, stiamo parlando di ansia sociale o agitazione.

Non è sempre facile distinguere l’ansia o l’eccitazione sociale dalla fobia sociale.

Quanto è diffusa la fobia sociale?

È stato stabilito che dal 3 al 13 % delle persone soffre della paura della società in un determinato periodo della propria vita. La percentuale di persone che soffrono di fobia sociale nel corso della vita varia dall’1 al 2,5%.

Il più delle volte è la timidezza. Gli studi hanno dimostrato che l’80-90% delle persone ha risposto Sì alla domanda, ha mai avuto timidezza nella sua vita. E il 30-40% si considera timido adesso.

Di cosa hanno principalmente paura?

La maggioranza assoluta ha paura di parlare in pubblico, poiché è accompagnata dalla necessità del contatto con estranei. Altre varietà di paura come quella di mangiare e bere in presenza di altre persone, paura di compilare ricevute, assegni ecc. sono meno comuni.

A che età i primi sintomi della fobia sociale

La paura di comunicare di solito si verifica tra i quindici ei vent’anni. Naturalmente i giovani di questa età sono spesso considerati timidi.

Molti sono sotto pressione se vogliono dire o fare qualcosa per la prima volta. Quando la fobia sociale evita tali situazioni interferisce con il normale processo di ingresso nella società. Se non inizia immediatamente il trattamento della fobia sociale prenderà una piega completamente diversa.

Naturalmente, per qualche tempo la malattia può regredire, ad esempio se un paziente affetto da fobia sociale ha una relazione.

Problemi che invece possono riacutizzarsi dopo un divorzio ad esempio.

Chi sviluppa la fobia sociale?

La fobia sociale può verificarsi allo stesso modo sia negli uomini che nelle donne, indipendentemente dalla loro istruzione e occupazione.

In breve, una casalinga può temere di non essere in grado di comunicare con l’insegnante di suo figlio, il preside può preoccuparsi del colloquio imminente con il personale e l’insegnante può avere paura di incontrare i genitori dei suoi studenti.

Quali sono le conseguenze della fobia sociale?

Gli studi hanno dimostrato che le persone con fobia sociale sono più sole, vanno raramente in vacanza e hanno meno probabilità di sposarsi.

Spesso hanno problemi nel ricevere un’istruzione perché la loro paura davanti al gruppo e di parlare in pubblico può interferire notevolmente con il processo di studio, fino alla sua conclusione.

Nel tentativo di rimuovere l’ansia, molte persone arrivano anche al sentimento dell’umiliazione.

Gli episodi di depressione sono caratteristici delle persone che soffrono di fobia sociale.

Next Post

Musicoterapia: Ecco cosa ascoltare per ogni stato d'animo

La musica è un aspetto importante della vita, ha la capacità di influenzare la coscienza e il comportamento delle persone. La musicoterapia influenza la nostra vita L’uso della musicoterapia può cambiare il loro stato psico-emotivo, l’eliminazione delle emozioni negative e la nevrosi. Quali sono i tipi di musica curativi Classico […]
Musicoterapia Ecco cosa ascoltare per ogni stato danimo