Francesco Nuti, per la prima volta parla sua figlia

Redazione

Francesco Nuti sono anni che è costretto su una sedia a rotelle e privo della parola, dopo che un incidente domestico lo ha mandato in coma per diverso tempo.

Una situazione della quale oggi, diventata da poco maggiorenne, sua figlia ha deciso di prendersene carico e fare tutto quello che in suo potere per poter far vivere al meglio suo padre.

Ginevra, che è l’unica figlia dell’attore, ha da poco compiuto 18 anni e alle pagine del settimanale “Chi”, ha rilasciato una lunga e toccante intervista sul suo rapporto con il padre e ha dichiarato: “Adesso che sono maggiorenne ho chiesto di essere l’unica tutrice di mio padre perché penso che nessuno meglio di me possa prendersi cura di lui” ed ha aggiunto: “Sono cresciuta con la mamma, tra Milano e Roma. Ora papà è stato ricoverato in un centro privato qui a Roma e io posso vederlo di più. Fosse venuto prima, tante cose non sarebbero successe e penso anche alla vicenda dei maltrattamenti da parte del badante. Piano piano sta migliorando, ma chiaramente non sono miglioramenti eclatanti: sono piccole cose che solo una persona dentro questa situazione può capire e apprezzare. Prima papà con la sinistra riusciva a scrivere e a disegnare. Ora non più. Ma ci siamo sempre parlati con gli occhi. All’epoca io avevo solo 7 anni. Quando avvenne la disgrazia mia madre mi preparò. Mi disse che papà aveva battuto la testa e che era un po’ cambiato. Ma quando lo rividi per me era sempre papà. Grazie a mia mamma il nostro rapporto non si è mai interrotto. Sono solo cambiati gli approcci, il modo di comunicare”.

Next Post

Vaccini, scienza e Cassazione: nessuna relazione con l’autismo

Dopo la scienza medica anche la Cassazione ha stabilito che fra vaccini e autismo non c’è relazione alcuna. Ovviamente adesso ci saranno anche quelli che giudicheranno asserviti al sistema e alle case farmaceutiche i giudici della Suprema Corte di Cassazione, ma così va il mondo. Eppure, se solo si pensa […]
Vaccini, scienza e Cassazione all'unisono nessuna relazione con l’autismo