Francia: Ha impiegato tre anni per dimostrare che era viva

Redazione

Jeanne Pouchain, cittadina francese, è stata dichiarata deceduta nel 2017 e da allora la 58enne lotta per dimostrare di essere viva, poiché tutti i suoi documenti ufficiali non sono validi.

Una donna in Francia ha passato gli ultimi tre anni cercando di dimostrare di non essere morta.

Jeanne Pouchain di Saint-Joseph, vicino a Lione, è stata ufficialmente dichiarata deceduta nel 2017 e da allora la 58enne lotta per essere “resuscitata“.

Ha impiegato tre anni per dimostrare che era viva

La signora Pouchain ha affermato che la sua “morte” è il risultato di una controversia legale di lunga durata che coinvolge un ex dipendente della sua impresa di pulizie, culminata con la corte d’appello a Lione che la dichiara morta nel novembre 2017.

Ha detto ai media locali: “Sono andata da un avvocato che mi ha detto che sarebbe stato risolto rapidamente come ero stato dal mio medico che ha certificato che ero ancora viva. Ma poiché c’era stata una sentenza [legale], questo non era abbastanza“.

Nel 2004 la signora Pouchain è stata portata in un tribunale del lavoro dall’ex dipendente dopo essere stata licenziata a causa della perdita di un importante contratto da parte della sua impresa di pulizie.

L’ex lavoratore ha ricevuto un risarcimento di circa 14.000 euro.

La sentenza non è mai stata eseguita perché il caso era contro la società della signora Pouchain e non lei personalmente.

Così nel 2009 il dipendente ha nuovamente citato in giudizio ma il caso è stato rigettato dal tribunale.

Nel 2016, una corte d’appello ha ritenuto erroneamente che la signora Pouchain fosse morta e ha ordinato a suo figlio e al marito di pagare i danni.

L’anno successivo, la dipendente ha detto al tribunale del lavoro che le sue lettere al suo ex capo non avevano ricevuto risposta e che era morta.

Ciò ha comportato che la signora Pouchain sia stata depennata dai registri ufficiali che hanno visto anche la sua carta d’identità invalidata, così come la sua patente di guida, conto bancario, assicurazione sanitaria e altri documenti ufficiali necessari per dimostrare la sua esistenza.

La signora Pouchain ha accusato l’ex dipendente di aver inventato la sua morte per cercare di ottenere i danni dai suoi eredi.

L’avvocato del dipendente ha ribattuto che la signora Pouchain aveva invece inscenato una finta morta per evitare di pagare i danni.

La signora Pouchain nega di aver inventato la propria morte.

Ha detto: “Non ho documenti d’identità, nessuna assicurazione sanitaria, non posso provare alle banche che sono viva… non sono niente“.

È ora che qualcuno dica ‘stop’. Se non combatto nessuno combatterà per me. La nonna di mio marito ha 102 anni … ha vissuto molte cose, inclusa la guerra, ma dice di non aver mai sofferto nulla di così duro come me.

Next Post

Acqua sulla Luna, potrebbe provenire dalla Terra

La nuova ipotesi collega la presenza di acqua sulla Luna con l’azione del “vento terrestre” – un flusso di particelle lanciato qui dalla magnetosfera del nostro pianeta. L’origine dell’acqua sulla Luna rimane un mistero. Se l’acqua finisse su un satellite dopo la caduta di comete di ghiaccio, evaporerebbe rapidamente a causa […]
Acqua sulla Luna potrebbe provenire dalla Terra