Francia: Trova un topo annegato nella sua lattina

Scopre un topo nella sua lattina di Coca-Cola.

L’articolo è stato riportato in queste ore da LeParisien Damien, 34 anni, ha rivelato di aver fatto questa orribile scoperta dopo aver bevuto da una lattina nella sua casa di Varenne-sur-Seine (Seine-et-Marne), ma l’azienda al momento non ha confermato la veridicità dell’incidente.

C’era il topo che attraversava gli scaffali del supermercato , nascosto in una baguette e poi galleggiava nella lattina di Coca-Cola. Il 7 marzo, Damien, 34 anni, avrebbe preferito non fare questa scoperta, mentre torna a casa e dopo aver bevuto tutta la sua bibita, si è sicuramente trovato faccia a faccia con un roditore, bloccato nel barattolo.

Dopo un ordine nel suo solito ristorante vicino al suo lavoro, Damien riceve con la sua pizza una lattina di Coca-Cola. “Non la bevo durante il pasto, ma tornando a casa“, dice il ragazzo. Non rileva nulla di anormale, nessun gusto particolare che potrebbe farlo insospettire. “Il barattolo è finito, svuoto il fondo e lì, mi rendo conto che non è vuoto“.

Secondo la sua storia, osserva con orrore che il peso del suo barattolo è dovuto a un roditore morto. “Ho chiamato immediatamente la Coca-Cola e ci ho passato un buon quarto d’ora al telefono“. Dopo questo contatto, riceve una lettera, dove viene spiegato che la sicurezza della linea di produzione dell’azienda è totale e che non può venire dalla loro casa.

L’azienda inoltre gli manda una borsa nella quale è invitato a mettere la lattina. “Mi hanno chiesto di rimandarla indietro per l’analisi, ma è fuori questione” spiega il ragazzo “Dal momento in cui li mando a voi non ho più prove“.

Preoccupato per la sua salute, Damien chiama il suo medico per chiedere un esame del sangue. “Mi ha spiegato che il succo gastrico doveva uccidere qualsiasi batterio“, dice Damien. Non molto rassicurato, contatta anche il centro antiveleni. “Sono sotto sorveglianza per 21 giorni e, se ho una malattia influenzale, devo andare in ospedale” per prevenire qualsiasi rischio di infezione da leptospirosi .

Questa malattia, che colpisce 600 persone in Francia ogni anno, secondo il direttore del Centro nazionale di riferimento della leptospirosi dell’Istituto Pasteur, è principalmente trasportata dai roditori.

Un’idea che si è fatta strada da quando molte persone sentono il bisogno di pulire la parte superiore della loro lattina prima di bere. “Tutti i mammiferi trasportano i batteri patogeni, ma soprattutto i roditori che evacuano attraverso l’urina“, afferma il dott. Picardeau. Ma se lei può vivere per diverse settimane nell’acqua, è improbabile che sia sopravvissuta alla coca, secondo lui.

Una domanda rimane irrisolta: come è arrivato il roditore? Secondo Damien: “O il topo era nel barattolo e la coca è stata versata in esso. O era in una coca, e il liquido è stato versato nel barattolo”. Due teorie assolutamente spazzate via dell’azienda.

L’azienda spiega i metodi di produzione delle sue lattine “sistematicamente rovesciate e risciacquate da potenti getti, e sottoposte a un controllo costante che garantisce la loro perfetta igiene“. “Stiamo aspettando di ricevere informazioni dal consumatore per svolgere indagini approfondite. Oggi non possiamo stabilire la veridicità di queste informazioni“.

Fonte@LeParisien

Loading...
Potrebbero interessarti

Alieni a Massa: “Io ustionato da un UFO”

La Toscana si conferma sempre di più come la regione italiana più…

Scimmie schiave nelle piantagioni di cocco

Incredibile vicenda quella che si consuma in Sumatra, secondo il comunicato stampa…