Free Vax chiedono asilo al Papa, interviene anche Codacons

Eleonora Gitto

Free Vax interpellano il Papa e chiedono asilo, interviene anche il Codacons.

Non c’è pace per i vaccini, e continuano le manifestazioni di protesta dei cosiddetti NoVax, una categoria di persone che non crede in generale nell’utilità dei vaccini, e comunque tende a rifiutarne l’obbligatorietà.

Nonostante esistano studi accurati e metastatistici condotti anche dall’Organizzazione mondiale della Sanità che mettono in relazione con molta puntualità la diminuzione di certe malattie con i vaccini, una parte dell’opinione pubblica non vuol saperne.

Per lo più non si tratta di movimenti spontanei, nati da prese di posizione documentate e sulla falsa riga di ragionamenti scientifici; si tratta sovente di adesioni più o meno fidelizzate a coloro che per partito preso pensano che dietro ogni atto di governo c’è la tutela di un interesse privato e non pubblico. In questo caso si farebbero soltanto gli interessi delle case farmaceutiche.

A tal proposito il buon Gino Strada, che certamente non è un filogovernativo, né ha un buon rapporto con il Ministro della Salute Lorenzin, ha avuto occasione di precisare semplicemente che chi non vaccina i propri figli è un irresponsabile totale.

Certo, si può anche disquisire sulla bontà e sulla correttezza delle fonti scientifiche che corroborano una tesi o un’altra, ma il fatto che il leader di Emergency sia netto, reciso e fermo su un’affermazione del genere, dovrebbe far riflettere ogni No Vax sulla bontà della propria presa di posizione.

Francamente che un medico come Gino Strada possa essere tacciato di accordi con le case farmaceutiche internazionali o che sia in combutta con lo stesso Governo italiano, ci sembra poco probabile.

Ma adesso i No Vax si sono rivolti anche al Vaticano: è stata inviata una lettera al Segretario di Stato Vaticano, Cardinale Piero Parolin, al quale chiedono Asilo Politico nel caso in cui scatti per legge l’obbligatorietà a vaccinarsi.

Non è una barzelletta, è proprio così. Oltre agli immigrati che chiedono asilo politico per fuggire dalle guerre devastanti, dalla povertà assoluta, dalle carestie, ora c’è un’altra categoria di immigrati, quella dei richiedenti asilo politico per motivi di vaccinazione.

Nel frattempo anche il Codacons si è mosso a supporto delle posizioni di questa fetta di popolazione, pubblicando la lista dei Senatori che hanno approvato a Palazzo Madama la conversione in legge del decreto Lorenzin.

Un metodo di lavoro opinabile, non proprio in linea con la libertà d’espressione e non molto lontano da tristi elenchi che la storia ci ha consegnato in momenti bui della nostra esistenza.

Next Post

Il cacciatore e sirene: nuova fiction Rai

Arrivano nuove fiction di genere fantasy su Rai 1 che si intitolano Sirene e Il cacciatore. La prima è prodotta da Cross Productions. Nel cast ci sono molti nomi noti come Valentina Bellè, vista in Grand Hotel e I medici. Inoltre ci sarà Luca Argentero, Michele Morrone e Denise Tantucci. […]