Gambling e cinema asiatico, da Squid Game agli anime: ecco 3 titoli in cui si uniscono

Redazione

Il cinema asiatico, soprattutto dopo il grande successo di Parasite del regista Bong Joon-ho agli Oscar 2020, continua a riscuotere un grandissimo successo nel mondo. Una delle caratteristiche che ha contraddistinto alcune sue pellicole è il tema del gambling, che tra film, anime e serie tv ha fatto più volte la sua comparsa. In questo articolo andremo a scoprire almeno tre titoli provenienti dall’Asia in cui questo tema è fortemente presente.

Cinema e gambling: un binomio presente anche in occidente

Il binomio cinema-gambling ha portato alla nascita di tantissime pellicole anche negli USA e in Europa. Parliamo di film che appartengono al passato, come ad esempio in 40.000 dollari per non morire, di Karel Reisz che è del 1974, fino ad arrivare a titoli più recenti come Molly’s Game del 2017. Le ambientazioni da gioco, caratterizzate dalla presenza delle carte e dai dealer, hanno infatti sempre riscosso un certo fascino nella mente dei produttori e, di conseguenza, in quella del pubblico. Sono scene e giochi che, però, non tutti possono provare dal vivo. Come sempre, in questi casi, c’è comunque il web che viene incontro all’utenza, dove è possibile trovare un universo di soluzioni per divertirsi con alcune piattaforme di gambling. Inoltre, su internet è possibile trovare anche siti che raccolgono recensioni e commenti da parte dei giocatori per portali come Star Casino casinò, ad esempio. In questo modo ognuno, prima di depositare il proprio denaro, avrà a disposizione molte informazioni per scegliere dove e come giocare.

Gambling e cinema asiatico da Squid Game agli anime

Questo contatto, che è nato tra il mondo del gambling e quello del cinema, ha evidentemente affascinato anche molti registi asiatici. Da un po’ di tempo, infatti, è possibile trovare pellicole in cui il tema del gioco si presenta sotto forme differenti. Di seguito, verranno elencati tre prodotti (una serie tv coreana e due anime giapponesi), in cui questo tema è stato resto centrale.

I tre titoli provenienti dall’Asia in cui è fortemente presente il tema del gambling

Squid Game: è il fenomeno del momento, se non una delle serie tv più viste della piattaforma Netflix. La trama racconta delle vicende di Seong Gi-hun, un uomo disperato e alla ricerca di soldi che viene invitato a giocare d’azzardo da un uomo misterioso. Il montepremi è composto da una cifra enorme, quasi incalcolabile, ma le sfide che i giocatori dovranno affrontare per conquistarlo metterà in serio pericolo la loro vita.
Kakegurui: è un anime giapponese diviso in due stagioni ambientato all’Accademia Hyakkaou, una scuola che valuta gli studenti per le loro abilità nel gioco d’azzardo. Ovviamente, per mantenere l’allenamento, tutti gli studenti sono coinvolti in numerosi giochi, dove si batteranno per uscirne vincitori. La studentessa Yumeko jabani appena viene trasferita nell’accademia ed è entusiasta di partecipare, anche se il suo fine non è vincere del denaro ma solamente provare il brivido della vittoria.

Death parade: questo anime si sviluppa in una singola stagione e attira fin da subito l’attenzione dello spettatore. Il tutto è ambientato in un misterioso bar dell’aldilà chiamato Quindecim, che viene gestito da un essere al quanto misterioso di nome Decim. Ogni qual volta che due persone sulla Terra muoiono nello stesso momento, vengono mandate in questo luogo dove dovranno partecipare ad un gioco, il Death Game. Questo determinerà insieme se la loro anima sarà reincarnata oppure finirà nel vuoto.

Next Post

Coronavirus, un virus che non morirà mai

Da quando la pandemia di coronavirus ha colpito l’Italia e il mondo intero, tutti noi abbiamo in mente un solo obiettivo, quello di riuscire a battere questo virus. Anche se le cifre, oggi, sono completamente diverse dall’inizio della pandemia, non è ancora finita. Qual è il prossimo scenario Secondo Didier […]
Coronavirus un virus che non morira mai