Gemelli: telepatia e legame psichico è tutto vero

Redazione

Bambini, adolescenti e gemelli adulti hanno dimostrato di essere turbati dall’angoscia di un gemello e/o di condividere la conoscenza che l’unico modo per farlo era con mezzi telepatici.

La connessione telepatica tra gemelli identici fa parte del paranormale e del folklore. Sono state fatte poche ricerche scientifiche, ma ci sono prove schiaccianti, attraverso esperienze personali, che indicano che c’è un legame psichico.

Molti fratelli segnalano una sensazione di malessere quando il gemello ha una crisi e/o condividendo pensieri.

Ma esistono casi documentati di telepatia e legame psichico di gemelli, il portale anomalien.com ne ha esaminati alcuni:

– Un bambino di tre giorni rende sua madre consapevole della situazione pericolosa per la vita del gemello in tempo per salvare la vita di suo fratello.

– Le sorelle gemelle adulte, una che vive in Belgio, l’altra negli Stati Uniti, stavano chattando online e hanno scoperto di aver acquistato lo stesso paio di pantaloni lo stesso giorno dalla stessa catena di negozi. Una ha avuto crampi nel momento in cui sua sorella ha iniziato il travaglio e sua sorella sognava di avere un bambino al momento della nascita della figlia del suo gemello.

– Una bambina di quattro anni si è bruciata la mano e il suo gemello ha una bolla identica inspiegabile nella stessa posizione sul suo corpo.

– Un uomo si accasciò su una sedia, tenendosi il petto, nello stesso momento in cui suo fratello gemello, a trenta miglia di distanza, fu colpito a morte.

– Ci sono stati anche casi di gemelli adottati poco dopo la nascita e allevati da famiglie in diverse aree geografiche. Alcuni erano a conoscenza dell’esistenza del fratello; altri no. Quando si sono scoperti e si sono incontrati, hanno scoperto delle somiglianze sorprendenti.

 

Next Post

Andare a dormire con le galline, ecco perché si dice così

Se siete tra coloro che amano svegliarsi presto la mattina ma soprattutto non amate far tardi la sera, andando a letto prestissimo rispetto a quello che è considerato l’orario “abituale” in cui andare a dormire, vi sarete sentiti ripetere decine di volte che “andate a letto con le galline”. Ma […]