Gianni Boncompagni, addio a un pezzo della storia della tv italiana

Che si amassero o meno i programmi che per anni ha ideato e prodotto per la televisione italiana, è indubbio che ne ha contribuito a fare la storia, ed è per questo che tutto il mondo dello spettacolo, nel giorno di Pasqua, si è stretta nel dolore dei suoi familiari, per l’addio a Gianni Boncompagni.

Nato ad Arezzo il 13 maggio 1932, è stato tra i grandi innovatori della radio e tv italiana con Renzo Arbore, autore e conduttore di storici successi radiofonici e televisivi, come “Bandiera gialla” e “Alto gradimento”, e poi autore e regista di “Pronto Raffaella?”, “Domenica In”, “Non è la Rai”, “Carramba”.

E’ morto a 84 anni, nella sua casa di Roma: “Dopo una lunga vita fortunata, circondato dalla famiglia e dagli amici se n’è andato papà, uomo dai molti talenti e padre indimenticabile”, hanno annunciato all’Ansa le figlie Claudia, Paola e Barbara.

Il nome di Boncompagni, tra centinaia di progetti che nella sua lunga carriera ha portato avanti, è legato inesorabilmente a “Non è la Rai”, il celebre programma televisivo di intrattenimento andato in onda su Mediaset all’inizio degli an ni ’90 che vide fare il suo debutto televisivo a tantissime soubrette e star del panorama italiano, da Ambra Angiolini a Laura Freddi.

Boncompagni non si è limitato solo alla televisione: ha infatti firmato hit musicali come “Ragazzo triste” di Patty Pravo e “Il mondo”, successo mondiale lanciato nel 1965 da Jimmy Fontana, nonché tutte le hit di Raffaella Carrà, da “Tuca tuca” a “Tanti auguri” a “A far l’amore comincia tu”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Francesca De Andrè: quella frase incriminata le costa la squalifica?

Realmente squalificata dal Grande Fratello 16 per quella frase shock pronunciata? Ancora…

Chi e’ Niccolò Bettarini, la star dei social

Se per Stefano Bettarini è un periodo abbastanza duro, senza una compagna…