Gli alieni spostano i pianeti per comunicare con noi

Redazione

Matthew Clement, del Carnegie Institution for Science Earth and Planets Laboratory, ed altri colleghi hanno rivelato che gli alieni potrebbero avvisarci della loro presenza spostando i pianeti.

Gli alieni spostano i pianeti per comunicare con noi
foto@depositphotos.com

Una civiltà aliena avanzata potrebbe spingere asteroidi su lune e pianeti per riallineare le loro orbite e avvisarci della loro presenza, affermano gli esperti.

Secondo quanto riportato dal Daily Star, lo scienziato planetario Matthew Clement, del Carnegie Institution for Science Earth and Planets Laboratory, e i suoi colleghi, affermano che una sorta di rimescolamento dei pianeti potrebbe aiutare civiltà aliene a palesarsi.

In un recente articolo sulla rivista Monthly Notice of the Royal Astronomical Society, Clement e i suoi colleghi suggeriscono che una civiltà aliena sufficientemente potente e motivata potrebbe organizzare interi sistemi solari di pianeti in orbite risonanti con rapporti più complessi.

Eventuali asteroidi potrebbero essere lanciati verso pianeti per spostare le loro orbite e dunque cambiare la figura di un sistema.

Questo accade davvero“, ha detto Clement a Inverse. “Siamo abbastanza fiduciosi che i pianeti giganti del Sistema Solare si siano spostati in modo significativo dopo la loro formazione, poiché avevano ripetuti passaggi ravvicinati con detriti avanzati e con cose come Plutone“.

Anche fare la stessa cosa apposta non è del tutto roba da fantascienza – Clement dice che ci sono già serie speculazioni sull’uso di spinte gravitazionali da un altro piccolo oggetto per guidare un asteroide in un’orbita più vicina per l’estrazione mineraria.

E già, utilizziamo lo stesso principio per spingere i veicoli spaziali in orbite più lontane (o farli volare fuori dal Sistema Solare).

Ma l’architettura orbitale dei pianeti richiede pazienza.

Ci vorrebbero milioni di anni per avere un asteroide, o un certo numero di asteroidi per spostare un oggetto delle dimensioni di un pianeta di una distanza“, afferma Clement.

Tecnicamente, una cultura aliena estremamente avanzata potrebbe trovare un modo per applicare la spinta a un intero pianeta per spostarne l’orbita.

Sebbene sia quasi impossibile per noi immaginare come, Clement afferma che in termini di puro fabbisogno energetico, qualsiasi civiltà abbastanza esperta di tecnologia da sfruttare la maggior parte o tutta l’energia della sua stella potrebbe farcela in poco più di due anni (della Terra).

È logico che se volessi creare un sistema in grado di comunicare in modo permanente la tua esistenza, potresti codificarlo nei periodi orbitali dei pianeti“, afferma Clement.

Dopotutto, le disposizioni creative dei pianeti durano molto più a lungo dei messaggi radio, dei veicoli spaziali che trasportano dischi d’oro o delle gigantesche piattaforme orbitanti.

Vale la pena considerare che una data civiltà potrebbe essere in grado di trasmettersi solo per una breve finestra temporale“, afferma Clement.

Next Post

Gli scienziati hanno trovato una città citata nella Bibbia

Le parole dell’apostolo Pietro trovate incise sul pavimento di una basilica di quella che dovrebbe essere la città biblica di Betsaida. Come riporta il portale esoreiter, un mosaico di circa 1,5 mila anni è stato scoperto dagli archeologi sul pavimento della basilica durante gli scavi a El-Araj. Su di esso […]
Gli scienziati hanno trovato una citta citata nella Bibbia