Gli angeli sono reali, lo conferma un esperto di sacre scritture

Redazione

Gli angeli presenti nelle sacre scritture sono reali, lo afferma un esperto che riporta anche un aneddoto.

Gli angeli sono reali lo conferma un esperto di sacre scritture

Gli angeli esistono sulle pagine della Sacra Bibbia e nell’arte cristiana, ma cosa sappiamo di loro al di fuori del mito e della leggenda? Un esperto di scritture ha spiegato perché pensa che le avventure del missionario del XIX secolo John Gibson Paton dimostrino che “gli angeli sono reali” e spesso passano inosservati ai più.

Gli angeli sono menzionati quasi 300 volte nella Bibbia , con apparizioni nell’Antico e nel Nuovo Testamento allo stesso modo. In Genesi, il primo libro dell’Antico Testamento, Dio invia due angeli per avvertire dell’imminente distruzione di Sodoma e Gomorra. Nel Nuovo Testamento, un angelo appare davanti al sacerdote Zaccaria per informarlo che sua moglie avrebbe partorito un figlio di nome Giovanni, Giovanni Battista.

Ancora più famoso, i Vangeli affermano che l’Arcangelo Gabriele apparve davanti alla Vergine Maria per dirle che avrebbe dato alla luce Gesù.

Secondo Tom Meyer, professore di studi biblici allo Shasta Bible College e alla Graduate School in California, USA, la parola ebraica per angelo “malak” significa qualcuno che viene inviato come vice o messaggero per conto di Dio.

La parola è spesso usata nella Bibbia per descrivere profeti e sacerdoti, nonché la stessa nazione di Israele.

L’uso più famoso di Malak, tuttavia, è riservato a una classe di esseri celesti che Dio ha creato separatamente dagli umani.

Il professor Meyer ha riferito al famoso portale Express.co.uk : “Tra i molti nomi usati di Dio nella Bibbia, il titolo LORD of Hosts descrive Dio come il comandante in capo di un esercito organizzato di angeli.

L’Angelo di YHWH si accampa o letteralmente pianta la sua tenda intorno a coloro che temono Dio, come un esercito accampato intorno a una città per difenderla (Salmo 34: 7).

L’esperto biblico crede che una di queste intercessioni divine sia avvenuta nel XIX secolo durante una missione del missionario protestante John Gibson Paton (1824-1907) nelle Nuove Ebridi nell’Oceano Pacifico meridionale.

Il racconto è descritto nel libro Angels: God’s Secret Agents, scritto dall’evangelista americano Billy Graham.

Secondo la storia, una notte un gruppo di indigeni ostili ha attaccato il quartier generale della missione del reverand Paton solo, per essere respinto da una schiera di esseri angelici.

Il reverand Paton e sua moglie Mary visitarono per la prima volta le Nuove Ebridi nel novembre 1858 dove costruirono una casa a Port Resolution sull’isola di Tanna.

Il professor Meyer ha spiegato: “Una notte fatale, indigeni ostili circondarono il quartier generale della sua missione, intenti a fumare i Paton fuori dalla loro casa e poi a ucciderli“.

John Paton e sua moglie pregarono durante quella notte piena di terrore che Dio li liberasse miracolosamente. Quando finalmente è arrivata la luce del giorno, sono rimasti stupiti nel vedere che gli aggressori li avevano inspiegabilmente lasciati soli“.

Un anno dopo l’incidente, si dice che la tribù che lo ha perpetrato si sia convertita al cristianesimo .

Il reverand Paton ha quindi affrontato il capo della tribù per scoprire perché non avevano mai bruciato la sua casa.

Con sua grande sorpresa, il capo disse che la casa era circondata da centinaia di uomini in “vesti scintillanti” e con le spade sguainate.

Il professor Meyer riferisce: “Sembravano girare intorno alla stazione della missione in modo che i nativi avessero paura di attaccare. Solo allora Mr. Paton si rende conto che Dio aveva mandato i suoi angeli per proteggerli. Il capo ha convenuto che non poteva esserci altra spiegazione.

Secondo l’opinione del professor Meyer, la storia testimonia l’esistenza degli angeli come descritti nella Bibbia.

Ha aggiunto: “Poiché non possiamo vedere gli angeli o non riconosciamo ciò che sono quando li vediamo, possiamo diventare ottusi o inconsapevoli del ruolo enorme che svolgono nel corso degli eventi umani. Gli angeli sono reali come te e me“.

Next Post

Acquistare con carta di credito crea dipendenza come la droga

L’acquisto compulsivo con la carta di credito, legato ovviamente alla facilità estrema del sistema di pagamento, può diventare una dipendenza come la droga. Uno studio del Massachusetts Institute of Technology (MIT), l’università tecnica degli Stati Uniti di fama mondiale, ha scoperto che acquistare con carta di credito innesca la stessa […]
Acquistare con carta di credito crea dipendenza come la droga