Gli esperti rivelano la scoperta del vero Monte Sinai

Redazione

Un esperto ha rivelato l’ubicazione del vero Monte Sinai dove DIO ha dato a Mosè le tavole con i dieci comandamenti.

La posizione “biblica” del Monte Sinai, dove Dio ha consegnato a Mosè i dieci comandamenti, sarebbe stata definitivamente attribuita ad una zona dell’Arabia Saudita.

Il Sinai è uno dei luoghi chiave della Bibbia, tuttavia storici e studiosi cristiani rimangono divisi sulla sua vera ubicazione in Medio Oriente.

Mosè guida gli israeliti verso la montagna che è avvolta da fuoco, fumo e tuoni, secondo il libro dell’Esodo nella Bibbia.

Il profeta sale quindi sul monte Sinai dove si riunisce con Dio per ricevere i dieci comandamenti.

Il dott. Charles Whittaker afferma che la montagna menzionata nella Bibbia è in realtà Jabal al Lawz nell’odierna Arabia Saudita.

Scrivendo la sua dissertazione di 285 pagine per la Louisiana Baptist University, sostiene che sia i resoconti biblici che la ricerca moderna sostengono la tesi di Jabal al Lawz.

La montagna è un picco di 8.460 piedi noto come “la montagna di mandorle“, situato nel nord est dell’Arabia Saudita vicino al confine con la Giordania.

Il dott. Whittaker sostiene la tesi grazie ad alcune scoperte archeologiche sul sito, al calcolo della lunghezza e del tempo del viaggio dell’Esodo, tutte e attuali tesi riporterebbero a Jabal al Lawz.

Egli osserva tuttavia che esiste un “conflitto tra i credenti” sul tema del luogo e ammette che non tutti possono essere soddisfatti del suo racconto sul Monte Sinai.

Il dott. Whittaker conferma: “La montagna e i suoi dintorni si adattano meglio alla descrizione del monte Sinai nelle scritture, rispetto ad altri candidati“.

Poi prosegue: “In molti casi le strutture, l’arte rupestre, le iscrizioni, le caratteristiche naturali, la disposizione della terra e tutte le altre caratteristiche del sito di Jabal al Lawz e della regione circostante si adattano ai resoconti biblici molto meglio di altre spiegazioni fornite in passato“.

Guardando per intero tutte le informazioni disponibili, le prove forniscono supporto al significato biblico di Jabal al Lawz“.

Si presume ai piedi della montagna si possono trovare i resti dell’altare di pietra che è stato realizzato dagli israeliti che scatenò la furia di Mosè.

Le autorità dell’Arabia Saudita hanno condotto uno studio archeologico sulla montagna nei primi anni del duemila.

Gli investigatori n realtà hanno negato che Jabal al Lawz fosse il monte Sinai, e invece hanno collegato le scoperte sul sito ad altre civiltà antiche.

Tuttavia, il dott. Whittaker respinge le loro conclusioni e li accusa di non aver esaminato le prove.

C’è una tale preponderanza di informazioni e studi storici da molte fonti e periodi temporali, bisogna valutare attentamente le conclusioni del Vice Ministro delle Antichità“.

Gli esploratori biblici del BASE Institute supportano anche la conclusione del dott. Whitaker che Jabal al Lawz è l’originale Monte Sinai.

L’organizzazione ha in precedenza affermato di aver scoperto prove dell’Arca dell’Alleanza in Etiopia e dell’Arca di Noè in Iran .

Il fondatore di BASE e biblico Bob Cornuke si era recato in passato in Arabia Saudita – affermando di averlo fatto in segreto per “tracciare la rotta dell’Esodo“.

Ha detto: “Questa spedizione ha prodotto la prima di una serie di nuove prove convincenti per suggerire che lo Stretto di Tiran sul Golfo di Aqaba era il punto di passaggio per la rotta dell’Esodo, e che Jabal al-Lawz in Arabia Saudita è il vero monte Sinai.

Jabal al Lawz è stato precedentemente proposto come candidato per il Monte Sinai originale ed è stato criticato da altri storici.

Il professor James Karl Hoffmeier descrisse questa tesi come uno dei tanti “errori monumentali” che portano alla conclusione che la montagna è quella menzionata nella Bibbia.

Anche il ricercatore creazionista Gordon Franz ha respinto l’affermazione che il Monte Sinai è in Arabia Saudita.

Ha detto: “Non ci sono prove credibili storiche, geografiche, archeologiche o bibliche per la tesi che il Monte. Il Sinai è a Jebel al-Lawz in Arabia Saudita.

 

Next Post

Time Traveller rivela: a Febbraio 2019 gli Stati Uniti spazzati via da una tempesta

Previsioni SHOCK per il 2019 gli USA saranno spazzati via da una tempesta, questo secondo un time traveller, ovvero un viaggiatore del tempo. Un viaggiatore del tempo che dice di arrivare dal 2030 ha fatto previsioni scioccanti per il 2019, sostenendo che gli Stati Uniti saranno devastati da una tempesta […]