Google, Twitter e Facebook insieme contro l’Isis

Eleonora Gitto

I social più famosi, Google, Twitter e Facebook, insieme contro l’Isis.

I colossi della rete hanno creato una tecnologia che è in grado di bloccare ed eliminare, appena pubblicati, foto e video del Califfato e affini.

E questa è una cosa ottima, poiché la propaganda per mezzo della rete, è il maggior mezzo di diffusione delle idee del terrorismo islamico.

La tecnologia è stata sviluppata con una metodologia che permette di confrontare nuove immagini e video pericolosi con quelli già presenti in un vasto database.

Immagini, naturalmente, già cancellate dalla rete. Se sono riscontrate analogie o corrispondenze sospette, le immagini sono istantaneamente eliminate.

Peraltro questa tecnologia non sarebbe del tutto nuova, perché pare che inizialmente sia stata sviluppata principalmente per proteggere i diritti di autore.

Un salto in avanti decisivo rispetto alle semplici segnalazioni che provenivano dagli utenti della rete.

Inoltre, questa strategia dell’automazione è stata sviluppata congiuntamente da Google, Twitter e Facebook, in maniera più o meno nascosta, al fine di evitare che terroristi e affiliati potessero prendere immediatamente adeguate contromisure.

Ma adesso che la tecnologia è stata testata positivamente ed è diventata perfettamente operativa, sarà pure più difficile per gli assassini dell’Isis di trovare dei rimedi efficaci.

Next Post

Legambiente, coste italiane devastate dal cemento

Il cemento ogni anno ingoia chilometri di coste italiane: l’allarme di Legambiente. Secondo Legambiente, ci troviamo a fronteggiare una situazione di estrema gravità, col cemento che trasforma ogni anno 8 chilometri di coste. Senza contare quelle già abbondantemente compromesse, ovviamente. Circa un terzo delle spiagge è minacciato dall’erosione, e dalla […]
Legambiente, coste italiane devastate dal cemento