Hugh Jackman e Noomi Rapace saranno nel biopic su Enzo Ferrari?

La certezza ancora non c’è, dato che nessun contratto è stato firmato, ma le trattative sarebbero già a buon punto: potrebbe essere nientemeno che Hugh Jackman a interpretare Enzo Ferrari nel biopic sul fondatore del Cavallino Rampante che verrà diretto prossimamente da Michael Mann.

E sarebbe ora finalmente che il nuovo protagonista venisse scelto, dato che il progetto è ormai in stallo da un anno, da quando cioè Christian Bale, inizialmente scelto dal filmmaker per interpretare Ferrari, abbandonò il progetto perché per interpretare il leggendario industriale avrebbe dovuto guadagnare del peso e il tempo a disposizione per farlo era troppo limitato.

Deadline pubblica ora un aggiornamento secondo cui Hugh Jackman e Noomi Rapace sarebbero in fase di trattativa per entrare a far parte del cast nei ruoli principali, quello di Enzo Ferrari e di sua moglie.

La presenza dell’attrice, del resto, è molto probabile, dato che era già collegata al film fin da quando era prevista la presenza di Bale.

Tratto dal libro di Brock Yates Enzo Ferrari: The Man, the Cars, the Races, the Machine, il progetto è in lavorazione da almeno un quindicennio.

Il biopic racconterà l’esistenza a tinte forti del Drake inquadrandola all’interno di un anno molto particolare e significativo: il 1957, un lasso di tempo in cui, a detta dello stesso Mann, pure sceneggiatore insieme a Troy Kennedy-Martin e David Rayfiel, “passioni, fallimenti, successi, vita e morte si sono intersecati”.

L’inizio della produzione è prevista, secondo i progetti attuali, per l’estate 2018.

Next Post

Reddito di inclusione per oltre quattrocentomila famiglie

Arriva il reddito di inclusione per oltre quattrocentomila famiglie Dopo essere stato approvato dalla Camera, il ddl delega sul contrasto alla povertà ha ricevuto il via libera anche dal Senato con 138 sì, 71 no e 21 astenuti. Il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, in un Tweet, ha scritto: “Impegno sociale […]
Reddito di inclusione per oltre quattrocentomila famiglie