I neonati sorridono per compiacere i genitori

Non doveva certo arrivare una scoperta scientifica a confermarlo, i genitori lo sapevano già tutti, ma fa bene al cuore sapere che i bambini, soprattutto i più piccoli, non sorridono per mero riflesso fisiologico, come qualche cinico ancora si azzardava a ripetere, ma per compiacere mamma e papà.

Quando i bambini sorridono, lo fanno con un obiettivo: ottenere a loro volta un sorriso in cambio dalla persona con cui interagiscono. Inoltre, i piccoli raggiungono il loro scopo utilizzando sofisticate tempistiche, proprio come fanno i comici che ‘prendono il tempo’ delle battute per massimizzare la risposta del pubblico.

Lo studio è stato condotto da esperti di informatica, robotica e psicologia dello sviluppo ed è stato successivamente pubblicato sulla rivista PLoS One. Gli studiosi hanno esaminato le interazioni di 13 coppie di madri con i rispetti figli, con un’età inferiore ai 4 mesi, paragonandoli poi alle reazioni di bambini-robot, dotati di un particolare algoritmo.

Dallo studio si è evinto quindi che i bambini, o meglio i neonati, sanno dosare le loro risatine e già da piccolissimi sanno recitare al meglio la parte di piccoli attori.

Next Post

Cefalea, ne soffrono fino a 8 studenti su 10

Il ritorno a scuola è di certo traumatico per tutti, studenti, insegnanti e persino genitori, ma a quanto pare a risentirne di più sono i ragazzini tra gli 11 e i 15 anni, che vengono colpiti, nella maggioranza dei casi, da attacchi terribili di cefalea. Secondo alcuni dati diffusi da […]