I vulcani di Marte sono ancora attivi?

Redazione

Gli astronomi hanno scoperto tracce della recente attività vulcanica sul Pianeta Rosso. Forse l’eruzione è avvenuta solo 50mila anni fa. Ciò significa che il prossimo evento del genere può accadere in qualsiasi momento.

Un tempo, Marte ha sperimentato numerose e su larga scala eruzioni vulcaniche che hanno cambiato la faccia del pianeta. Ma quasi tutti questi cataclismi si sono verificati 3-4 miliardi di anni fa. Fino ad ora, le tracce più giovani dell’attività vulcanica su Marte erano considerate vecchie di circa 2,5 milioni di anni.

I vulcani di Marte sono ancora attivi
foto@Flickr

Ora gli scienziati hanno trovato una struttura geologica molto più giovane sulla stessa pianura. Le immagini orbitali mostrano un’area scura attorno a una fessura nella crosta di Marte, parte del sistema di faglie di Cerberus Fossae.

Una macchia scura con un’area con una grande città si trova simmetricamente su entrambi i lati della fessura. È ricco del tipico minerale vulcanico, il pirosseno. E anche esternamente, questa formazione è molto simile ai dettagli della superficie della Luna e di Mercurio, che di solito sono considerati depositi vulcanici.

Gli esperti sono propensi a credere che questa struttura sia composta da cenere e lava, che sono fuoriuscite dalla fessura durante l’eruzione. Secondo gli esperti, la colonna di cenere potrebbe raggiungere un’altezza fino a dieci chilometri. In totale, il vulcano ha emesso circa dieci milioni di metri cubi di materia.

La cosa più interessante di tutte è l’età di queste tracce dell’eruzione. A giudicare dal numero di crateri meteoritici, sono compresi tra 50 e 200 millenni. In termini geologici, questo è un istante. Se i vulcani su Marte potessero eruttare allora, possono farlo anche ora.

È importante che nell’area delle faglie di Cerberus Fossae siano state localizzate le sorgenti dei più forti terremoti registrati dalla sonda InSight. Forse questi tremori sono associati ai movimenti del magma nelle profondità.

Se ci sono ancora centri di calore sotterraneo vicino alla superficie su Marte, potrebbero diventare fonti di energia per ipotetici microbi marziani.

fonte@Ordonews

Next Post

Memoria umana, adesso gli scienziati possono cancellarla

Gli scienziati saranno presto in grado di cancellare il ricordo dei “brutti momenti” nella vita di una persona. Il team di neuroscienze computazionali di ATR Computational Neuroscience Labs ha creato l’esclusivo scanner DecNef. La sua stessa esistenza è motivo di critica, sono in molti infatti a sollevare “seri problemi etici”, le […]
Memoria umana adesso gli scienziati possono cancellarla