Il fiume ha sempre ragione, a settembre il capolavoro di Soldini

Eleonora Gitto

Dal 7 settembre 2016 potremo vedere sul grande schermo il film del regista Silvio SoldiniIl fiume ha sempre ragione”, un vero capolavoro.

In una società frenetica e robotizzata, in cui essere sempre iperconnessi è diventato quasi un imperativo categorico, la velocità una consuetudine e la solitudine anche, il film di Soldini sembra essere fuori luogo e fuori tempo.

Invece questo docu-film si accoglie come una ventata di aria fresca perché invita a fermarsi un attimo per riflettere non su dove siamo arrivati ma sul punto dal quale siamo partiti.

Nella sua opera “Il fiume ha sempre ragione”, presentato in anteprima mondiale al Biografilm Festival 12° anno – il Concorso Internazionale che assegna il “Best Film Unipol Award”- dove concorre per il miglior film, Soldini ci fa conoscere due personaggi che mai avremmo pensato potessero ancora esistere: Alberto Casiraghy e Josef Weiss.

Il primo, Alberto Casiraghy (Casiraghi), editore, aforista, illustratore, e fondatore della casa editrice Pulcinoelefante che ha trasformato la sua casa a Osnago, meta di artisti, disegnatori e poeti, in una “bottega editoriale” che ospita una vecchia macchina a caratteri mobili stampa piccoli e tanti preziosi libri di poesia e aforismi.

Il secondo, Josef Weiss che abita a Mendrisio, oltre in confine svizzero, ha fondato un Atelier della Stampa e della Rilegatura d’Arte e per realizzare le sue edizioni artistiche unisce la sensibilità del grafico con la tecnica del restauratore.

Con il suo film documentario di Silvio Soldini ci fa un grande dono, ecco perché è un capolavoro: il ritratto di due artisti-artigiani che in un mondo ipertecnologico, hanno scelto di fare un mestiere antico.

Questo non ha impedito loro di diventare uomini di successo, ma la loro grandezza non sta nella fama bensì nell’aver saputo “connettersi” con il mondo intero senza usare diavolerie tecnologiche, ma imparando a tessere la trama più bella e antica: quella della poesia del dialogo costruito con le parole.

Next Post

Tatyana Ali, dal set alla prossima maternità

Quando si raggiunge la notorietà molto presto, e Tatyana Ali l’ha raggiunta a soli 11 anni, non è facile saper gestire fama e successo e soprattutto non è tanto raro farsi prendere la mano e abbandonarsi a vizi ed eccessi, bruciando tutto quello che si era riusciti a costruire. Certamente la […]