Il simulatore di morte, permette di vivere la morte, la cremazione e la rinascita

Il primo simulatore di morte che consente ai visitatori di sperimentare la morte, la cremazione e la rinascita.

L’attrazione mira a rendere i partecipanti meno spaventati dalla morte cercando di rimuovere, per quanto possibile, il mistero.

I visitatori si stanno affollando per una nuova attrazione che si trova a Shanghai e che permette loro di sperimentare cosa si prova a morire, essere cremati e rinascere.

Il Samadhi Death Simulator, permette ai visitatori di essere “uccisi” dai loro coetanei, prima di essere “cremati” in un forno, e poi “risorgere“,  sperimentando così addirittura la nascita attraverso un “grembo di lattice gigante“.

Per partecipare a questo emozionante viaggio si pagano 68 dollari a persona e al termine si possono lasciare anche delle riflessioni “finali” e le “ultime parole prima della morte”, da portare a casa come souvenir, o distruggere sul posto.

Uno dei primi partecipanti ha dichiarato: “Questa è una sensazione davvero interessante, che ti dà almeno la possibilità di calmarti e di riportarti sulla terra per pensare ad alcuni dei problemi della vita reale“.

Quando attraversi quella porta, sperimenti alcuni cambiamenti nella tua mentalità, e sarà diverso da ciò che era prima di entrare. Penso che questo sia davvero grandioso, e molto utile.

Il fondatore dell’attrazione, Ding Rui, ha dichiarato: “Quando non comprendiamo e accettiamo pienamente la morte, dire addio ad una persona è un compito davvero piuttosto complicato e difficile“.

Così ho pensato a come essere in grado di trovare una strada su come educare le persone alla vita, così come ci si avvicina al momento appena prima di affrontare la morte, non devono pensare a questi problemi costantemente“, ha aggiunto.

Loading...
Potrebbero interessarti

Bill Gates: anche i robot devono pagare le tasse

Secondo Bill Gates anche i robot devono pagare le tasse. Oddio, ma…

Intel, grazie a Cortana il pc si accenderà con la voce

Che i computer di oggi sono oramai estremamente tecnologici e dalle potenzialità…