Internet, gli italiani sono sempre più connessi

Basta camminare per strada, imbattersi in un gruppo di giovani e persino in una coppia seduta al ristorante, per rendersi conto dell’attuale “relazione” che gli italiani hanno con la rete e coi loro smartphone: compagni fedeli, da cui è impossibile separarsi, i nostri device mobili sono diventati dei prolungamenti dei nostri arti, e ci permettono di essere perennemente connessi, alla rete e soprattutto ai social.

E l’ultimo rapporto Censis fotografa appieno questa realtà: navigano su internet tre italiani su quattro. Gli smartphone sono usati dall’89,3% dei giovani. L’utenza della mobile tv è raddoppiata in un anno (dall’11,2% al 22,1%). WhatsApp, Facebook e YouTube le piattaforme preferite, ma anche Instagram corre veloce.

Nello specifico, i due social network più popolari restano Facebook (56,2%) e YouTube (49,6%); cresce Instagram (21%), mentre Twitter resta al 13,6%.

La crescita degli utenti di internet in Italia ha rallentato il ritmo, ma prosegue. Nel 2017 ha raggiunto una penetrazione pari al 75,2% della popolazione, l’1,5% in più rispetto al 2016 (e il 29,9% in più rispetto al 2007). Il telefono cellulare è usato dall’86,9% degli italiani e lo smartphone, in particolare, dal 69,6% (la quota era solo del 15% nel 2009).

Cresce anche la tv via internet: web tv e smart tv raggiungono il 26,8% di utenza (+2,4% in un anno). Ed è decollata la mobile tv, che ha raddoppiato in un anno i suoi utilizzatori, passati dall’11,2% al 22,1%.

Per quanto riguarda invece quanto si è disposti a spendere per i propri device, mentre tra il 2007 (l’anno prima dell’inizio della crisi) e il 2016 il valore dei consumi complessivi degli italiani ha subito una significativa flessione (-3,9% in termini reali), la spesa delle famiglie per gli smartphone ha segnato anno dopo anno un vero e proprio boom (+190% nel periodo 2007-2016, per un valore di poco meno di 6 miliardi di euro nell’ultimo anno).

Anche gli acquisti di computer hanno registrato un rialzo rilevantissimo (+45,8% nel periodo). I servizi di telefonia si sono invece assestati verso il basso per effetto di un riequilibrio tariffario (-14,3%, per un valore però di oltre 16,8 miliardi di euro nell’ultimo anno).

Quotidiani e libri sono invece sempre meno letti. “I quotidiani continuano a soffrire per la mancata integrazione nel mondo della comunicazione digitale – evidenzia il Censis –  Oggi solo il 35,8% degli italiani legge i giornali”. In dieci anni i quotidiani hanno perso il 25,6% di utenza mentre i quotidiani online ne hanno acquistato solo il 4,1%.

Loading...
Potrebbero interessarti

Nasa: Niente panico ma una cometa arriva la prossima settimana

L’incontro “ravvicinato” dovrebbe essere programmato per la prossima settimana, anche se la…

Due fenomeni si incrociano nell’atmosfera, incredibile foto Nasa

Due dei fenomeni atmosferici più suggestivi della Terra, l’aurora e il bagliore…