Intestino corto, salvata la vita a una 13enne brasiliana al Meyer di Firenze
HPV test, nuovo test che subentrerà al pap test per la diagnosi precoce

Negli ultimi anni la medicina ha fatto passi da gigante ed oggi sono disponibili tecniche, strumenti e metodologie impensabili anche solo un decennio fa.

Eppure, inutile negarlo, queste stesse tecniche e strumentazioni non sono disponibili ovunque: ci sono ospedali, in troppe zone del mondo, dove non si riescono a rispettare neppure le norme igieniche di base, per mancanza di fondi, ed altre invece assolutamente all’avanguardia, dove i medici sono capaci di compiere veri e propri miracoli.

Anche in Italia il livello delle strutture ospedaliere non è uniforme ma si distinguono strutture d’eccellenza rinomate in mezzo mondo, e tra queste spicca in Meyer di Firenze, che proprio nelle ultime ore è riuscito a portare a termine uno straordinario intervento capace di salvare la vita a una ragazzina brasiliana che, nel suo paese, sarebbe stata condannata a morte certa, senza le cure adatte.

Nello specifico, con un intervento chirurgico ad altissima complessità è stato ricostruito l’intestino a una bimba di 13 anni affetta da una malattia congenita.

La piccola paziente era arrivata in Italia, all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze, dal Brasile dove, dopo due operazioni non andate a buon fine, i medici non le avevano dato speranze di sopravvivenza. È stata operata dall’equipe di ricostruzione intestinale guidata dal professor Antonio Morabito.

L’intervento è stato eseguito con la tecnica ricostruttiva ad alta specializzazione chiamata “Spiral intestinale lengthening and tailorilng”. E’ il secondo intervento di questo tipo portato a termine in pochi giorni al Meyer, unico centro europeo per la cura di questa patologia.

Come hanno spiegato gli stessi luminari che l’hanno operato e le hanno salvato la vita,  la bambina aveva l’intestino corto e per questo era obbligata alla nutrizione parenterale totale, ossia alla somministrazione di nutrienti per via venosa.

La sindrome dell’intestino corto è una condizione morbosa particolare, che si caratterizza per l’assenza di un tratto di piccolo intestino (o intestino tenue) e la conseguente incapacità, da parte della persona affetta, di assorbire i nutrienti ingeriti col cibo.
È bene, infatti, ricordare che il piccolo intestino è fondamentale per l’assorbimento dei nutrienti, durante il processo digestivo.

La sopravvivenza dipende dall’età di esordio del problema in quanto nel paziente adulto-anziano a tale condizione si sommano altre comorbidità; anche la gravità della malattia di base ha il suo peso sulla sopravvivenza come la scarsa esperienza del personale medico.

La prevalenza è di 12 casi/ milione di abitanti, per tale motivo a livello europeo è inclusa nelle malattie rare mentre a livello italiano non abbiamo ancora questa attribuzione pur essendo tale a tutti gli effetti.

Le cause frequenti di un’estesa resezione sono il morbo di Crohn, l’infarto mesenterico, l’enterite attinica, le neoplasie, il volvolo e anomalie congenite, come quella che appunto ha colpito la 13 enne brasiliana.

Alla bambina è stato quindi ricostruito l’intestino restituendogli un diametro adeguato e una motilità normale. Il tutto dopo aver rimosso il segmento di intestino precedentemente trattato. Alla fine i medici «hanno disteso l’intestino recuperando in lunghezza e riportandone il diametro a una dimensione normale».

“Per noi è un onore aver portato questa specialità al Meyer, che adesso è l’unico centro europeo per la cura di questa patologia e che colloca il nostro ospedale al livello dei più importanti centri mondiali – ha dichiarato il professor Morabito –. Abbiamo avviato un percorso che apre interessanti prospettive terapeutiche e di ricerca, in direzione di una medicina sempre più personalizzata” .

Laureanda, content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, si occupa principalmente di contenuti legati alla sanità italiana e alla tecnologia.

Potrebbero interessarti

Vaccini, contro obbligo anche l’assessore valdostano Chantal Certan

Contro i vaccini obbligatori si schiera anche Chantal Certan, Assessore alla Istruzione…

Vaccinazioni solo per i bambini? No, ecco i vaccini per gli adulti

Ma i vaccini sono solo per i bambini? Niente affatto, ecco le…

Virus, a sconfiggerli ci pensano proiettili d’oro

Secondo la definizione più comune, un virus è un’entità biologica elementare con caratteristiche di parassita…

Nel Salento è allarme impetigine

I bagnanti, soprattutto quelli più delicati come i bambini, dovranno stare molto…