Isis attacca Arabia Saudita

I miliziani dell’Isis hanno rivendicato l’attentato kamikaze avvenuto nell’est del paese, il quale ha devastato una moschea sciita, causando la morte di una ventina di persone e il ferimento di oltre 100 fedeli.

Su un account Twitter di proprietà dell’Isis, si afferma che Abu Amer an Najdi, originario della regione saudita del Nejed, si è “infiltrato nel tempio” degli sciiti e si è fatto esplodere nel corso della preghiera del venerdì.

L’Isis si dice contro gli sciiti, l’Iran, e il regime dei Saud, considerato usurpatore del titolo di “custode dei due luoghi santi”, Mecca e Medina, città sante dell’Islam.

Sempre tramite il web, i miliziani hanno annunciato “altri giorni bui”, almeno fino a quando gli sciiti non “saranno cacciati dalla Penisola Araba”. Questo è il primo attacco da parte dell’Isis nel territorio dell’Arabia Saudita.

Nella provincia orientale di Quatif, la popolazione sciita costituisce una minoranza, circa del 15%: nel passato, sono state diverse le denunce da parte di questa comunità, stretta dalla maggioranza sunnita e vittima di discriminazioni e violenze.

Loading...
Potrebbero interessarti

Portate da mangiare e non solo, incredibile invito ad un matrimonio

La donna che ha condiviso la sua pessima esperienza al matrimonio del…

Incredibile formazione nuvolosa nei cieli della Thailandia

Un’incredibile formazione nuvolosa in stile EndGame, avvistata nei cieli della Thailandia. Il…