Justin Bieber le sue ossessioni: paparazzi e auto veloci

Redazione

Lui, come tante altre star d’altronde, è appassionato di “belle auto” e nell’arco degli anni ne ha cambiate diverse, Justin Bieber non ha solo la passione per le belle ragazze.

La popstar idolo dei teenager, sembra abbia una grossa passione per le auto veloci e molto particolari, secondo uno speciale trasmesso dal canale Reelz, questa sua passione lo avrebbe portato ad una guida molto spericolata e a tratti davvero pericolosa.

Secondo le indiscrezioni proprio le auto veloci e molto “particolari” hanno reso Justin particolarmente “rintracciabile” dai paparazzi che sono sempre in agguato, lo speciale di Reelz punta il dito anche su uno dei primi famosi incidenti della star fuori alla Laugh Factory ad Hollywood, all’epoca aveva 19 anni ed era in auto con l’amico, il rapper, Lil Twist.

C’è da dire che Justin non è mai stato molto tenero con i paparazzi, come alcuni di loro hanno confermato, poi sulle auto è Rick Mendoza che rivela: “E’ molto prevedibile, ha messo le iniziali sull’auto, un auto veloce dove praticamente dice “mi stanno dando la caccia”, ma non è la caccia”.

Dopo il tragico episodio accaduto al fotografo Chris Guerra, colpito e ucciso da un auto mentre inseguiva proprio la popstar, lo stesso Bieber aveva pubblicato un appello per la privacy e la sicurezza confermando:

Mentre non ero presente ne direttamente coinvolto in questo tragico incidente, i miei pensieri e le mie preghiere sono dirette alla famiglia della vittima, speriamo che questa tragedia sia di ispirazione per misure legislative necessarie a proteggere la vita e la sicurezza delle celebrità, dei funzionari di polizia, dei passanti innocenti e degli stessi fotografi“.

 

Next Post

Toni Servillo vestirà i panni di Silvio Berlusconi

Se è vero che ormai non si contano i film, i documentari, le inchieste che hanno preso di mira l’ex premier Silvio Berlusconi, anche il celebre regista Paolo Sorrentino ha scelto di girare una pellicola su uno degli uomini più influenti dell’ultimo mezzo secolo italiano, ed ha scelto Toni Servillo […]