Kenya la volontaria italiana è ancora viva?

Momenti terribili per la famiglia, che aspetta notizie, ma anche molto frenetici per l’intelligence: che ne è della nostra connazionale rapita in Kenya? È tenuta prigioniera da qualche parte o le è stato fatto del male?

Ad ora, l’unica cosa certa è che uomini armati hanno rapito la volontaria Silvia Costanza Romano, di 23 anni, sulla costa del Kenya: lo ha riferito il capo della polizia keniota Joseph Boinnet.

Il rapimento sarebbe avvenuto durante un attacco avvenuto martedì sera, alle 20 ora locale, nel centro commerciale di Chakama, a circa 80 chilometri a ovest di Malindi nella contea di Kilifi, nel sud-est del Paese.

Quattordici persone sono state arrestate in una maxi-operazione: “Fonti della polizia di Malindi” hanno precisato che i fermati sono stati portati in vari commissariati per essere interrogati.

La retata è stata confermata dal comandante della polizia regionale costiera, Noah Mwivanda, senza poter fornire cifre sui fermi ma precisando che forze di sicurezza hanno esteso l’operazione alle contee di Tana River e Taita Taveta.

In queste ore gli 007 italiani sono alla ricerca di una prova che la 23enne sia ancora in vita, un file audio o un video che confermino che la cooperante è in buone condizioni e che possa essere avviata un’eventuale trattativa per la sua liberazione.

Next Post

Firenze, bimba “rapita” dall’ospedale dalla madre

La parola “madre” e “rapimento” nella stessa frase sembrano cozzare, eppure servono per raccontare una brutta storia che si è consumata nelle scorse ore a Firenze, all’ospedale pediatrico Meyer. La protagonista è una donna di origine romena di 30 anni, residente nel pistoiese, a cui il tribunale aveva tolto sua […]