Marco Carta e il dolore per l’abbandono del padre

Redazione

Nelle scorse settimane, dopo un periodo di assenza dalle scene ed anche dai salotti televisivi, Marco Carta è stato ospite da Barbara D’Urso per fare il suo coming out: anche se i giornali di gossip lo raccontavano da anni, il cantante sardo per la prima volta ha ammesso la sua omosessualità.

Marco ha raccontato la ritrovata felicità accanto al suo compagno ed anche l’intenzione di mettere su famiglia, adottando un bambino.

Nelle scorse ore, ospite a “Vieni da me”, ha invece raccontato del rapporto col suo padre, un rapporto inesistente, dato che l’uomo si è persino rifiutato di conoscerlo.

Guardando una foto di suo padre mostrata da Caterina ha spiegato: “Non ho avuto un padre, non mi ha dato esempio. La mia famiglia ha sempre parlato bene di lui per paura di dipingerlo male, ma mi rendevo conto che era per non farmi sentire diverso. Mio padre non mi ha voluto conoscere, è morto quando avevo 8 anni ma anche prima non ha mai voluto avere rapporti con me.

Un giorno che dovevamo finalmente incontrarci, l’ho aspettato diverse ore fuori casa ma lui non si è mai presentato. Quando ho capito che non sarebbe mai arrivato, ho pianto tantissimo e sono andato a nascondermi nel caminetto, per sentire un po’ di calore”.

“Aveva un’altra famiglia con un altro figlio. Ho conosciuto mio fratello Alessio tardi, ma nel tempo abbiamo recuperato. È un’eredità molto grande che mi ha lasciato mio padre. Durante l’adolescenza ignoravo la presenza paterna per la tanta rabbia che provavo, da un paio di anni ho capito che anche lui avrà avuto i suoi motivi. Ora sono felice”, ha chiosato.

Next Post

Kenya la volontaria italiana è ancora viva?

Momenti terribili per la famiglia, che aspetta notizie, ma anche molto frenetici per l’intelligence: che ne è della nostra connazionale rapita in Kenya? È tenuta prigioniera da qualche parte o le è stato fatto del male? Ad ora, l’unica cosa certa è che uomini armati hanno rapito la volontaria Silvia […]