Kurt Cobain assassinato? E’ stato un crimine perfetto
Kurt Cobain cosa si cela realmente dietro la sua morte

Kurt Cobain non è morto suicida? Secondo un giornalista si è trattato del cosiddetto “crimine perfetto”.

Quello di Kurt Cobain, leader dei Nirvana, non sarebbe stato un suicidio ma un crimine perfetto, l’ipotesi avanzata da un giornalista che ritiene si sia trattato di un assassinio.

Kurt Cobain è stato trovato morto nella sua casa a Seattle, Washington, USA, il 5 aprile 1994, il referto parla di una ferita da arma da fuoco autoinflitta alla testa.

Max Wallace, giornalista e storico canadese, si è interrogato sulla causa della morte di Cobain dopo aver visto il rapporto tossicologico sul leader dei Nirvana.

Ha mostrato come il ventisettenne avesse un’alta concentrazione di eroina nel suo corpo nel momento in cui si è tolto la vita.

Max ha già discusso la sua tesi in un documentario del 2015 “Soaked in Bleach” rivelando: “Per me, la prova più importante che mi convince quasi della certezza che Kurt sia stato assassinato, era il livello di eroina nel suo corpo“.

Non c’è mai stato un caso documentato nella storia delle forze dell’ordine in cui qualcuno abbia avuto tale livello di eroina nel suo corpo e rimanere ancora cosciente per portare comunque a termine un suicidio“.

Wallace ha parlato con un esperto dell’FBI, che gli avrebbe confessato come quel suicidio possa essere stato suggerito come un “crimine perfetto“.

È molto facile che un omicidio assomigli a un’overdose o un suicidio accidentale, è un crimine perfetto e succede sempre” ripete il giornalista.

Le affermazioni sorprendenti sono venute alla luce ancora una volta in vista del 25 ° anniversario della morte di Cobain che sarà il mese prossimo.

L’icona del grunge è stata scoperta da un elettricista tre giorni dopo la sua morte, avvenuta il 5 aprile.

Ma mentre i rapporti ufficiali della polizia hanno confermato la morte per suicidio, le teorie cospirative sono andate avanti per anni ad esaminare la vera natura della morte del leader dei Nirvana.

L’autore John Potash ha suggerito che la sua dipendenza dall’eroina e la successiva morte avrebbero potuto riguardare la CIA .

Nel suo libro Drugs as Weapons Against Us, ha detto che Cobain era determinato a fermare l’ideologia di sinistra che si diffondeva negli Stati Uniti usando la sua musica come forma di intrattenimento.

Le immagini agghiaccianti dell’arma con cui si sarebbe suicidato Cobain, sono state rese pubbliche solo pochi anni fa.

fonte@DailyStar

Loading...
Potrebbero interessarti

Sergio Zaniboni, addio al fumettista papà di Diabolik

Il mondo della cultura italiana perde purtroppo un altro dei suoi più…

Fabrizio Corona a volte ritornano: Silvia Provvedi

Negli ultimi mesi sentiamo parlare poco di lui, ma solamente perché il…