La leggenda di Pupa, la bambola indemoniata

Pupa è una bambola realizzata a somiglianza della sua proprietaria, una giovane ragazza italiana degli anni 20.

Pupa è diventata la migliore amica e custode segreta di quella bambina, fino alla fine della sua vita nel 2005.

Da allora, Pupa è stata tenuta in una vetrina, misura circa 14 cm di altezza, è fatta per lo più in feltro ed era stata disegnata ad immagine e somiglianza del bambino che doveva averla in regalo.

Pupa è stata infatti creata e cucita per una bambina in Italia negli anni ‘ 1920, e che l’ha posseduta fino alla sua morte nel 2005. I capelli di Pupa sono veri capelli umani, anche se si crede che siano capelli venduti al produttore di bambole piuttosto che capelli del proprietario.

La bambina che ha posseduto Pupa ha spesso detto che la sua bambola era “viva” e aveva una volontà tutta sua. Ha dichiarato che lei e Pupa hanno parlato spesso nel corso degli anni, che Pupa ha tenuto tutti i suoi segreti ed è stata di grande aiuto nei momenti difficili anche fino ad arrivare a salvare la sua vita.

Pupa e il suo proprietario hanno viaggiato molto lungo tutta l’Europa e gli Stati Uniti. Alla fine della seconda guerra mondiale è morta la nonna della bambina, così come ricordo un bottone dei vestiti di sua nonna è stato cucito sul vestito della bambola.

Il proprietario di Pupa l’ha amata fino alla fine, quando è morta nel 2005, ed è qui che l’attività “anomala” della bambola ha davvero iniziato a manifestarsi. Dopo la scomparsa dei suoi proprietari, Pupa è stata messa in una vetrina, un pezzo adatto da avere in una mostra visto che aveva viaggiato per il mondo, ed era sopravvissuta ad una guerra mondiale.

Secondo la famiglia che tiene Pupa sotto la loro cura, alla bambola non piace proprio essere limitata, spiegano, a volte dal mobile in vetro sembrano provenire dei rumori, come se qualcosa stesse cercando di attirare la vostra attenzione.

Poco dopo, hanno iniziato a notare che la bambola ha cambiato posizione all’interno del mobile – le sue braccia si trovavano in una posizione diversa, gambe incrociate o aperte, ma la cosa più interessante sono i sottili cambiamenti di espressione che hanno notato nel corso degli anni.

Un giorno il mobile in vetro sembrava piuttosto sporco, quindi qualcuno si è messo a pulire. L’hanno aperto, esalato aria calda sul vetro, per vedere più chiaramente i segni, e sono rimasti sorpresi nel trovare le parole ‘ Pupa vi odio ‘… all’interno del mobile.

Chi ha studiato Pupa dice di aver registrato la bambola in movimento, ma i movimenti sono talmente lenti che vengono praticamente impercettibili dall’occhio umano, ma foto e video scattate su lunga durata e confronto mostrano questi movimenti.

La location della bambola è tenuta segreta. nessuno sa in quale città, né in quale paese si trova la bambola. Per quanto riguarda chi o cosa perseguita la bambola? Beh, è difficile rispondere, ma molti pensano che forse faceva parte dello “spirito” dell’infanzia di quel proprietario di bambole, una parte della sua essenza che ha trasmesso su questo oggetto che ha tanto amato, e che con la sua morte, a fatto si che lo spirito diventasse più forte, forse anche completato all’interno della bambola stessa.

Loading...
Potrebbero interessarti

La leggenda della donna nello specchio

La donna nello specchio è una leggenda o realtà che narra di…

Maci Currin, premio per le gambe più lunghe al mondo

Un’adolescente di 17 anni del Texas, negli Stati Uniti, ha battuto due…