La Nasa scopre un misterioso vuoto spaziale

Redazione

Gli esperti della NASA sono sconcertati da una misteriosa “bolla” nella Grande Nube di Magellano. Questa galassia è un satellite della Via Lattea, formatosi a seguito di una potente attività spaziale.

Come riporta il Daily Star, un misterioso vuoto spaziale di circa 250 anni luce di diametro è stato catturato dal telescopio spaziale Hubble.

Gli astronomi ritengono che questo idrogeno gassoso abbia formato una struttura così complessa, situata a circa 170 mila anni luce dalla Terra.

Gli scienziati della NASA hanno affermato che la superbolla che appare nella parte centrale superiore della nube di gas è di particolare interesse.

La Nasa scopre un misterioso vuoto spaziale

Gli astronomi hanno scoperto una differenza di 5 milioni di anni tra l’età media delle stelle all’interno della superbolla e le stelle ai margini.

Gli esperti hanno affermato che la differenza di età indicava “più eventi di formazione stellare con una reazione a catena” e indicava una zona di intensa formazione stellare nell’angolo in basso a destra della superbolla, che appare in blu scuro nell’immagine del telescopio spaziale Hubble.

Secondo i ricercatori, i venti stellari provenienti da stelle massicce all’interno della bolla hanno portato via il gas, ma questa ipotesi non concorda con le velocità del vento misurate nella bolla.

Secondo un’altra versione, è possibile che la nebulosa fosse piena di stelle massicce che, essendo esplose, perirono, a seguito delle quali apparve questa enorme bolla cosmica.

Gli scienziati dell’agenzia spaziale hanno ammesso che questa struttura spaziale rimane un mistero per loro.

Next Post

Tom Hanks e il viaggio nello spazio con Blue Origin

Tom Hanks sembra non predisposto ad essere un turista spaziale a bordo della Blue Origin di Jeff Bezos. In un’intervista con il presentatore televisivo americano Jimmy Kimmel nel suo programma esclusivo, Jimmy Kimmel Live, Tom Hanks ha spiegato perché non è voluto andare nello spazio. Il famoso attore che ha […]
Tom Hanks e il viaggio nello spazio con Blue Origin