La scienza del disgusto, sai come funziona?

Che si tratti di broccoli, scarafaggi, formaggio puzzolente c’è sempre qualcosa che porta al disgusto. Ma come funziona il disgusto e perché non siamo tutti respinti dalle stesse visioni, cibi e odori? I ricercatori hanno esplorato queste domande e sono arrivate ad alcune risposte.

Che cos’è il disgusto?

Il disgusto è un’emozione umana fondamentale derivante dall’esposizione a qualcosa di sgradevole o offensivo. Viene spesso sperimentato in relazione al senso del gusto o dell’olfatto , ma può essere stimolato dalla vista o dal suono.

L’avversione associata al disgusto tende ad essere così forte che quando un oggetto disgustoso tocca un oggetto “buono“, anche quest’ultimo diventa “disgustoso“. Ad esempio, considerando un panino, la maggior parte delle persone sarebbe disgustata se uno scarafaggio presente all’interno e risulterebbe immangiabile.

Come funziona il disgusto

Gli scienziati ritengono che l’emozione del disgusto si sia evoluta per proteggere gli organismi dalle malattie. A livello interculturale, vengono evitati oggetti, animali e persone che sembrano malati o che possono causare malattie, tra cui:

Alimenti viziati
Animali considerati parassiti (ratti, topi, pulci, scarafaggi, mosche, vermi, pidocchi)
Corpi morti
Liquidi corporei (vomito, feci, urina, fluidi, muco, sangue, saliva)
Oggetti visibilmente insalubri

Una risposta a questi stimoli è definita disgusto patogeno. Il disgusto del patogeno può essere considerato un componente del sistema immunitario comportamentale . L’emozione è associata a una diminuzione della frequenza cardiaca e respiratoria, all’espressione facciale caratteristica e ad una risposta di evitamento. L’avversione fisica e l’effetto sul metabolismo possono ridurre la possibilità che una persona possa contattare un agente patogeno, mentre l’espressione facciale funge da avvertimento per gli altri membri della specie.

Gli altri due tipi di disgusto sono il disgusto sessuale e il disgusto morale . Si ritiene che il disgusto sessuale si sia evoluto per prevenire cattive scelte di accoppiamento. Il disgusto morale, che include l’avversione allo stupro e all’omicidio, potrebbe essersi evoluto per proteggere le persone, sia a livello personale che come società coesa.

L’espressione facciale associata al disgusto è universale nelle culture umane. Include un labbro superiore arricciato, naso arricciato, sopracciglia ristrette e a volte una lingua sporgente.

Fattori che influenzano il disgusto

Mentre tutti provano disgusto, sono innescati da cose diverse per persone diverse. Il disgusto è influenzato da genere, ormoni, esperienza e cultura.

Il disgusto è una delle ultime emozioni che i bambini padroneggiano. Quando un bambino ha nove anni, un’espressione disgustata può essere interpretata correttamente solo circa il 30 percento delle volte. Tuttavia, una volta sviluppato il disgusto, mantiene un livello più o meno costante attraverso la vecchiaia.

Le donne segnalano una maggiore incidenza di disgusto rispetto agli uomini. Inoltre, le donne incinte sono più facilmente disgustate rispetto a quelle non in dolce attesa. L’aumento del progesterone ormonale durante la gravidanza è associato ad un maggiore senso dell’olfatto. Gli scienziati ritengono che ciò aiuti una donna incinta a evitare minacce a un feto in via di sviluppo. Se sei sempre incerto se il latte è inacidito o la carne è andata male, chiedi a una donna incinta. Quasi sicuramente rileverà qualsiasi tipo di decadimento.

La cultura svolge un ruolo significativo in ciò che una persona considera disgustoso. Ad esempio, molte persone sono disgustate dall’idea di mangiare insetti, mentre fare spuntini con un verme come pasto, è del tutto normale in molti altri paesi.

Loading...
Potrebbero interessarti

Cocaina, eliminare la dipendenza attraversa la TMS

Il difficile rapporto che, fin dalla prima giovinezza fino a pochi mesi…

Spina Bifida, due feti operati per correggere la malformazione

La Spina Bifida è una grave malformazione congenita che interessa la colonna vertebrale…