La sonda Juno si avvicina a Giove

Eleonora Gitto

La sonda Juno si avvicina a Giove, il pianeta gigante del sistema solare.

Il 4 luglio ci sarà l’incontro ravvicinato col pianeta, dopo che la sonda ha percorso addirittura 500 milioni di chilometri.

Juno è la navicella che nel corso della storia dei viaggi spaziali, si avvicinerà maggiormente a Giove.

Il compito della navicella della Nasa è di studiare e raccogliere dati sulle aurore, osservare la superficie attraverso le nubi, acquisire elementi che siano in grado di ricostruire la storia e la formazione del gigante gassoso.

Per quel che riguarda la partecipazione alla missione, l’Italia è presente con la realizzazione di due strumenti della sonda.

Il primo è uno spettrometro a raggi infrarossi che si chiama Jira, acronimo che sta per Jovian InfraRed Auroral Mapper.

Jira è stato costruito dalla divisione Avionica di Leonardo-Finmeccanica, il cui responsabile scientifico è l’Inaf, l’Istituto Nazionale di Astrofisica.

Il secondo strumento si chiama Kat, Ka-Band Translator, che è stato realizzato da Thales Alenia Space Italia, la cui responsabilità scientifica è stata affidata a Luciano Less, dell’Università La Sapienza di Roma.

La sonda è stata lanciata il 5 agosto 2011, e finalmente il 4 luglio attiverà il suo motore per entrare in orbita attorno al pianeta.

Next Post

Una spia e mezzo, The Rock: uno stravagante agente segreto

E’ interpretato da Dwayne Johnson, il noto The Rock, il film “Una spia e mezzo” di Rawson Marshall Thurber che vedremo nelle sale italiane dal 14 luglio 2016. The Rock, il “macho” tutto muscoli e con cervello di “Fast and Furious” e “Baywatch”, nel fil di Thurber veste i panni […]
Una spia e mezzo, The Rock: uno stravagante agente segreto