La Spezia, scoperti decine di collaboratori domestici evasori totali

Redazione

Purtroppo in Italia quella dell’evasione fiscale non è affatto un fenomeno isolato, ma anzi una vera e propria piaga difficile da arginare.

Evadono i piccoli imprenditori come quelli molto più grandi, evadono migliaia di lavoratori in nero che percepiscono denaro senza che questo sia tracciato e quindi tassato.

Ed evadono le badanti, centinaia scoperte a La Spezia, per un giro d’affari milionario.
Nell’ambito di un’operazione denominata “Bada bene”, il Gruppo della Guardia di Finanza della Spezia ha individuato 230 collaboratori domestici, risultati evasori totali poiché, pur avendo percepito redditi superiori alla soglia di esenzione, non hanno provveduto alla presentazione della prevista dichiarazione dei redditi.

Questi collaboratori familiari, per gli anni d’imposta dal 2014 al 2017, non hanno presentato la dichiarazione di redditi derivanti da lavoro dipendente, omettendo di dichiarare redditi per un importo complessivo superiore agli 11 milioni di euro e sottraendosi, così, al pagamento di imposte per circa 3 milioni di euro.

Inoltre, taluni soggetti controllati, maturavano una posizione contributiva che gli consentiva a fine rapporto di richiedere il sussidio di disoccupazione (c.d. NASpI) che in molti casi superava i 5.000 euro, oltre che naturalmente l’assistenza sanitaria e tutto ciò, senza versare alcuna imposta allo Stato.

Next Post

Cos’è il vino novello?

Ci sono esperti dal gusto sopraffino che riescono a distinguere l’annata di un vino solo sentendone magari l’odore e tanti che, al contrario, non riescono a distinguere un vino da discount da uno che costa migliaia di euro. Le basi, però, le dovrebbero avere tutti, soprattutto perché ci troviamo in […]