La storia di Robert, la bambola indemoniata

La bambola donata nel 1906 da Eugene “Gene” Otto, si dice indemoniata.

La misteriosa bambola giocattolo in mostra al Fort East Martello Museum di Key West, in Florida, che molti credono sia maledetta o indemoniata, posseduta da uno spirito malvagio.

Robert the Doll , così chiamata ha occhi neri e un’espressione particolare sul suo viso, è ricoperta di schegge che sembrano cicatrici. Nelle sue mani tiene un leone di peluche, anch’esso abbastanza inquietante.

Il giocattolo artigianale è stato realizzato verso la fine del XX secolo, è alto poco più di un metro e mezzo, Robert è pieno di schegge di legno tagliate dai tronchi. Indossa un completo da marinaio e la sua faccia è stata inizialmente dipinta in un modo da ricordare un giullare, secondo la Key West Art & Historical Society .

La storia racconta che un giovane ragazzo di nome Robert Eugene “Gene” Otto ha regalato la bambola nel 1906. Si crede che suo nonno abbia comprato la bambola in Germania, ma altri dicono che un una persona che praticava riti voodoo avrebbe regalato a Gene la bambola. Gene era affezionato a Robert erano migliori amici, e il ragazzino trattava Robert come se fosse una persona reale.

La leggenda narra che la famiglia di Gene sentiva il ragazzo parlare da solo nella sua stanza con due voci diverse. Quando Gene si metteva nei guai, spesso incolpava la bambola Robert per il suo comportamento scorretto, addirittura colpevole anche di un particolare incidente nella sua camera, durante il quale i mobili furono trovati tutti rovesciati.

Alcuni hanno suggerito che Robert abbia assorbito l’energia di Gene durante la vita del ragazzo, il che avrebbe causato alcuni strani eventi. I vicini hanno detto di aver visto la bambola spostarsi da una finestra all’altra. I visitatori hanno giurato di aver visto Robert battere le palpebre e cambiare le espressioni.

Quando è cresciuto, Gene è diventato un artista e ha progettato la galleria del Fort East Martello Museum. La sua casa era chiamata la casa degli artisti. Una donna di nome Myrtle Reuter acquistò la casa dopo la morte di Gene nel 1974, e gli inquilini iniziarono a notare alcune strane cose, in particolar modo il rumore dei passi nell’attico in cui la bambola Robert era vissuta. Un idraulico affermò anche di aver sentito ridere, e quando guardò per vedere da dove veniva quella risata, notò che la bambola si era misteriosamente spostata attraverso la stanza.

Un giornalista di Solares Hill, Key West, di nome Malcolm Ross ha visitato Robert e ha detto che la bambola aveva un’espressione “come un ragazzino che avesse subito una punizione“. Quando Ross e un gruppo di persone hanno iniziato a discutere della storia della bambola, sembrava come se Robert li stesse ascoltando e la sua espressione cambiava.

Nel 1994 la bambola fu donata al museo, con precise istruzioni fornite al personale, ovvero che la bambola era infestata e che camminava per casa da sola.

Robert è diventato in qualche modo una celebrità, la bambola è apparsa in televisione, fa parte di un tour dei fantasmi e ha ispirato un film del 2015.

Non è chiaro se Robert sia maledetto, o semplicemente impossessato dallo spirito del suo caro amico di sempre Gene, o posseduto da qualcos’altro.

Loading...
Potrebbero interessarti

Ufo esplode e terrorizza una donna in chat: strano ma vero

Strano ma vero: Ufo esplode e una donna lo vede mentre sta…

Ufo e alieni di scena alla Casina Vanvitelliana di Napoli: i misteri

Di scena Ufo e alieni alla Casina Vanvitelliana di Napoli: svelati alcuni…