Lampedusa, ennesimo naufragio: 239 vittime

Eleonora Gitto

Al largo di Lampedusa ennesimo naufragio: 239 vittime.

Giusi Nicolini, Sindaco di Lampedusa, dopo l’incontro alla Casa Bianca col Presidente Obama, è arrabbiata e determinata: “Basta con queste stragi, rischiamo un genocidio vero e proprio. Bisogna subito avviare i corridoi umanitari, altrimenti non finiremo mai di contare i morti”.

“E’ una strage continua, prosegue il Sindaco. Ho incontrato alcuni superstiti che sono ancora sconvolti da quanto accaduto. Delle donne hanno anche subito violenze fisiche. Servono strumenti legislativi adeguati. E poi pensiamo a queste persone che arrivano a Goro e vengono rifiutati. Incredibile”.

Ma anche stavolta c’è stato poco da fare. Dai racconti dei superstiti si stima che i morti siano 239, nel naufragio avvenuto a 25 miglia a nord della costa libica.

Solo 29 superstiti sono arrivati nella notte a Lampedusa.

L’imbarcazione sarebbe partita nei pressi di Tripoli. In quelle zone non c’è ancora di fatto nessun controllo, e non aiuta certo l’estrema confusione politica che regna nel Paese.

Due o tre governi, il terrorismo un po’ dappertutto e un’incapacità di fondo della comunità internazionale a far fronte alla situazione.

Si era detto che la Libia avrebbe dovuto cominciare a camminare sulle proprie gambe, perché un intervento diretto di altri Paesi in zona non era possibile.

Ora si è scoperto che alla Libia le gambe per camminare non le ha proprio.

Next Post

Brescia, arrestato un kosovaro: voleva radicalizzare il figlio

A Brescia arrestato un kosovaro per aver tentato di radicalizzare il figlio. In verità l’accusa è abbastanza generica e non sappiamo se sarà possibile sostenerla fino in fondo. Ma basta guardare in faccia Dibrani Gaffur, e la sua fotografia col ditone alzato in segno di ammonizione, per capire che uno […]
Brescia, arrestato un kosovaro: voleva radicalizzare il figlio