L’aria inquinata uccide, anche a concentrazioni non elevate

Eleonora Gitto

Una notizia, a dir poco, allarmante arriva dal mondo della medicina: l’aria inquinata tende a uccidere, anche a concentrazioni non elevate

Finora potevamo stare più o meno tranquilli, perché, per quanto riguarda l’inquinamento atmosferico, facevamo riferimento alle soglie massime ammesse per legge, sotto le quali, si supponeva, la nostra salute poteva essere bene o male salvaguardata o, comunque, non compromessa in maniera significativa.

Ma forse eravamo troppo ottimisti, perché negli ultimi tempi è successo qualcosa di importante: è stato effettuato il più accurato studio sugli effetti dell’esposizione a lungo termine al particolato fine e all’ozono.

E dalle risultanze, c’è davvero poco da stare tranquilli perché di inquinamento si può morire a prescindere dai limiti imposti dalla legge. A svolgere la importante ricerca sono stati otto scienziati della famosa Università di Harvard. Fra essi ci sono pure le italiane Antonella Zanobetti e Francesca Dominici.

La ricerca è stata pubblicata su quella che forse è la più prestigiosa rivista di medicina del mondo, il New England Journal of Medicine. Il campo di persone su cui è stata svolta la ricerca è enorme: 60 milioni di persone. Avere tanti dati a disposizione è stato possibile utilizzando l’enorme mole di dati messa a disposizione del centro di calcolo di Harvard.

Sostanzialmente gli epidemiologi hanno potuto utilizzare i dati di tutta la popolazione americana coperta dall’assicurazione Medicare.

La scienza e la statistica ci insegnano che maggiore è il campione di dati analizzati, e soprattutto su archi di tempo sufficientemente lunghi, e più certa e probante è la ricerca e i suoi risultati.

La ricerca è stata effettuata dal 2000 al 2012, e ogni persona è stata messa in correlazione con le concentrazioni medie di PM2, 5 e di ozono.

Il primo risultato che viene fuori è quello che in fondo già si sapeva: le polveri sottili sono più pericolose dell’ozono. Vale a dire gli scarichi dei veicoli, quelli industriali e soprattutto i riscaldamenti nelle città.

Il particolato dà soprattutto malattie respiratorie e complicazioni cardiache, oltre ad alcuni possibili complicazioni di carattere neurologico.

L’ozono invece provoca, soprattutto d’estate con la maggiore concentrazione a causa dell’attività solare, crisi asmatiche, insufficienza respiratoria, e infiammazioni e irritazioni ai polmoni.

Ma, come detto, l’aspetto forse più importante è dato dal fatto che le soglie di sicurezza determinate dalla legge, non sembrano affatto essere di sicurezza. E questo vale sia per gli Stati Uniti che per l’Italia e più in generale l’Unione Europea.

Nel New England Journal of Medicine si legge: “L’inquinamento uccide ancora, e può provocare morte e malattia anche a concentrazioni ammesse per legge”.

Next Post

Stefano De Martino, ad Ibiza con Belen per il bene di Santiago

Onestamente noi non siamo tanto ingenui da pensare che la coppia possa tornare assieme, ad oltre un anno e mezzo dalla loro dolorosa separazione e con due vite ormai ricostruite in parallelo, ma di certo è bello vedere due persone che, una volta tanto, per il bene del proprio figlio, […]