Laura Chiatti, nel cine-panettone di nuovo tradita da Scamarcio

Ormai sono una coppia inossidabile sul set, e si sa, accoppiata vincente non si cambia: e così dopo il gran successo di «Io che amo solo te», tratto dal best seller di Luca Bianchini (che ha venduto 300mila copie) e diretto da Marco Ponti, arriva il seguito, immerso nel clima effervescente delle festività, con gli stessi personaggi e Laura Chiatti e Riccardo Scamarcio di nuovo assieme.

È ‘La cena di Natale’, la pellicola diretta da Marco Ponti, che dal 24 novembre porta in scena l’amore tra Damiano e Chiara, interpretati da Riccardo Scamarcio e Laura Chiatti incinta di otto mesi.

Stesso regista e stessa location, una Polignano a Mare stavolta innevata. «Il mio è un personaggio portatore di un conflitto interiore – spiega Scamarcio – ho voluto riprendere il meglio della commedia all’italiana con personaggi potenti e tridimensionali che mettevano in luce i vizi di questo Bel Paese così ipocrita”.

Laura invece si è detta entusiasta di tornare a recitare col collega di vecchia data. «Io adoro lui più di quanto lui ami me – dice Laura– per lo meno ho un modo più diretto di esprimerlo. Ci conosciamo da 20 anni e penso che Riccardo abbia una marcia in più. È un attore dallo straordinario talento recitativo che sa anche in qualche modo dirigermi oltre al regista».

La cena di Natale è stato dedicato da Marco Ponti a Bud Spencer, perché per il regista “rappresenta un tipo di cinema italiano con cui la mia generazione è cresciuta, un cinema enorme dove c’era tutto, dal western alla commedia sexy e alla fantascienza”.

La morale? Ognuno ha il proprio carattere, le proprie colpe e i propri difetti ma, di fronte ai figli tutto si aggiusta e la vita prosegue.

Next Post

Kanye West rivela: Ho votato Trump! e piovono fischi

Tra le tantissime star dello spettacolo e della musica che si sono schierate apertamente per il candidato alla Casa Bianca, Hillary Clinton, pochi erano usciti allo scoperto invece per Donald Trump. Certo è che l’elezione di Trump non sembra aver convinto gli elettori, ancora oggi proseguono le proteste in strada […]