Lavoro, troppo fa male e si chiama presentismo
Lavoro, troppo fa male e si chiama presentismo

Pare che il troppo lavoro faccia male e si chiama presentismo.

Eravamo abituati a ragionare in termini di assenteismo, un fenomeno piuttosto diffuso in Italia, anche se non in maniera omogenea.

A occuparsene è stata l’Università of East Anglia, con un accuratissimo studio in materia, pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale Journal of Occupational Health Psycology.

Raccogliendo a sua volta altri 61 studi in materia, la ricerca ha messo in evidenza che la causa maggiore del cosiddetto fenomeno del presentismo, purtroppo è la precarietà.

Ma no? E ci voleva un laborioso e articolato studio per giungere a questa sconvolgente conclusione?

Più il posto di lavoro è a rischio, e più si tende comunque ad andare al lavoro, anche con 38 di febbre o la sciatica che ti paralizza o quasi. E così fai bella figura col capo o chi per lui.

L’altra ipotesi accreditata o accreditabile potrebbe essere il carrierismo, fenomeno sempre presente e quasi sempre da biasimare.

E il carrierismo è altro fattore altamente negativo nei rapporti di lavoro, perché genera invidia, incomprensioni e malessere generalizzato.

Di solito il carrierista puro fa più male che bene all’azienda, ma spesso questo non è sufficientemente compreso dai capi.

Loading...
Potrebbero interessarti

Manager intermedi, qual è il loro ruolo?

Di cosa si tratta Al vertice dell’organigramma aziendale, un gradino al di…

Guida ai broker online: Option Web

Sono tanti e di ogni genere. I broker online, intermediari 2.0 nati…