Lo strano caso di Olivia Mabel, magia nera o morte misteriosa

Nel 1994, nello stato del Texas, qualcuno chiamò il 911 ma rimase in silenzio al telefono. Tuttavia, la polizia si recò all’indirizzo, ciò che trovarono sul luogo fu davvero sconvolgente.

La famiglia Mabel viveva nella tranquilla cittadina di Selina, in Texas, a circa un’ora a nord di Dallas. La famiglia era composta da Olivia Mabel, suo marito Travis e il loro figlio Aiden. Era la famiglia più ordinaria e anche abbastanza benestante, senza problemi e senza aver mai segnalato nessuna stranezza.

Nel marzo 1990, Aiden, di sette anni, fu trovato mortoa in uno stagno nei pressi dell’abitazione. Fu deciso che l’annegamento era stato causato accidentalmente. Sua madre Olivia era scioccata dal dolore, lasciò il lavoro, smise di fare qualsiasi lavoro sociale e persino suo marito non le interessava più. Presto Olivia e Travis divorziarono.

Fino al settembre 1991, appariva ancora nei pressi alla casa, ma ben presto nessuno la vide. I vicini si sono lamentati del fatto che la sfortunata madre avesse perso la testa e che probabilmente fosse stata ricoverata in ospedale o fosse stata reclusa.

Il 27 febbraio 1994, una telefonata risuonò dalla casa di Mables, senza nessuna voce. La polizia arrivò a casa e iniziò a suonare alla porta, ma nessuno rispose loro. Quindi sfondarono la porta ed entrarono.

All’interno, tutto era abbandonato, come se nessuno avesse pulito nulla per diversi anni. Uno spesso strato di polvere su tutte le superfici e l’aria viziata.

Tuttavia, quando la polizia è entrata nella camera da letto, si è rivelata incredibilmente pulita e tutte le cose erano state ben piegate. Nel mezzo della stanza, Olivia Mabel era seduta su una sedia a dondolo, indossando una camicia da notte e pantofole. Aveva tra le mani una bambola fatta in casa che era stata fabbricata approssimativamente con bastoncini.

A giudicare dalle condizioni del suo corpo, Olivia era morta da almeno un mese.

Davanti alla sedia c’era quello che avrebbe potuto essere un altare. Sul tavolo, coperto da una coperta per bambini, giacevano immagini di Aiden, i suoi disegni, le lettere che Olivia scrisse a suo figlio dopo la sua morte, molti dei suoi giocattoli, candele, fiori e un’urna con le ceneri di un ragazzo.

All’inizio tutto era simile a quello che pensavano i vicini: Olivia impazzita per il dolore passava tutte le sue giornate a desiderare suo figlio. Il 911 probabilmente era stato chiamato da qualcuno dei vicini.

Ma poi sono iniziate le stranezze. Gli investigatori hanno trovato un’altra nota in casa, datata 27 febbraio 1994, il giorno in cui c’era una chiamata al 911. Allo stesso tempo, la nota era chiaramente scritta dalla mano di Olivia, era la sua ben nota calligrafia irregolare. Ma come può essere? Olivia, a giudicare dai resti, era morta almeno un mese prima.

In questa inquietante nota era scritto quanto segue:

Aiden, mi dispiace. Sono così dispiaciuta. Me ne sto andando. Non ti lascerò. La mamma sta venendo per te, Aiden, La mamma ti ama.

L’indagine ufficiale decise che Olivia aveva scritto la lettera in anticipo, ma alcuni ufficiali in seguito ammisero che mentre erano a casa Mabel, si sentivano molto a disagio e sentivano la presenza ultraterrena di qualcuno. Erano così convinti di ciò che sentivano che chiesero persino un esperto in fenomeni paranormali.

Francesco Santiago, il cui zio amava le cose occulte, fu il primo ufficiale di polizia a suggerire che l’altare creato da Olivia non era solo un segno in memoria del bambino, ma era usato per creare il cosiddetto tulpa.

Forse Olivia stava cercando di creare un’immagine del figlio morto, e per questo ricorse a pratiche magiche. Ma cosa è successo dopo? Il tulpa creato da Olivia nell’immagine di Aiden era diventato fuori controllo, forse malvagio? Forse proprio il Tulpa è stato colui che ha ucciso Olivia? E chi o che cosa ha effettuato le silenziose chiamate 911 da casa quella sera?

Sfortunatamente, nulla è stato detto alla stampa su ciò che ha rivelato l’autopsia di Olivia Mabel e quale fosse la causa della sua morte.

L’esploratrice, spiritualista e buddista belga-francese, Alexandra David-Néel, osservò la creazione del tulpa nel Tibet del XX secolo e scrisse in Magic and Mystery in Tibet, “Una volta che il tulpa è dotato di sufficiente vitalità per essere in grado di recitare la parte di un essere reale , tende a liberarsi dal controllo del suo creatore. Questo, dicono gli occultisti tibetani, accade quasi meccanicamente, proprio come il bambino, quando il suo corpo è completo e in grado di vivere separato, lascia l’utero di sua madre ”.

Nel 2005, il caso di Mables è riemerso sulla stampa quando si è scoperto che nessuno voleva comprare la loro casa abbandonata. Il padrone di casa alla fine ha invitato un esperto paranormale di Austin Drew Navarro a casa per fare una “pulizia“.

Secondo Navarro, appena entrato nella casa, è stato quasi soffocato:

Sono stato in centinaia di posti strani, ma mai prima d’ora ho sentito una forza così potente. Riuscivo a malapena a respirare e il mio cuore batteva all’impazzata “, ha detto ai giornalisti.

L’energia della casa era diversa nelle diverse stanze, ma ovunque era molto negativa. Navarro non ha scoperto esattamente che cosa non andava in questa casa, ma ha paragonato l’entità malvagia, probabilmente vivendola fino ad ora, con un bambino in preda ad una crisi isterica per impotenza e rabbia.

Loading...
Potrebbero interessarti

Brasile, polizia arresta un pappagallo sentinella della droga

Colto in flagrante un pappagallo che fungeva da sentinella per i trafficanti…

Test: 10 secondi per trovare i numeri mancanti

Il nostro cervello spesso gioca brutti scherzi quando guardiamo gruppi di numeri…