Loch Ness, il mostro è reale lo prova il DNA

Redazione

Il mostro di Loch Ness è stato fonte di interesse globale e di leggende, ma gli scienziati potrebbero finalmente aver trovato indizi per risolvere il mistero.

Nessie è una leggenda del folklore che si dice abitasse le acque di Loch Ness, in Scozia, e ha guadagnato l’attenzione in tutto il mondo grazie ai tantissimi avvistamenti. La comunità scientifica considera questi rapporti come un fenomeno senza basi biologiche, spiegando gli avvistamenti come truffe, illusioni e errata identificazione di oggetti banali. Ma il dottor Neil Gemmell, dell’Università di Otago, ha messo in discussione tale opinione dopo che il suo gruppo di ricerca dalla Nuova Zelanda ha estratto campioni genetici a diverse profondità in tutto il lago, nel tentativo di stabilire ciò che vive all’interno.

Dopo un anno di studio, il team ha trovato oltre 3000 specie nel lago, alcune così piccole da non essere identificabili dall’occhio umano, ma non c’era traccia di un mostro.

Gemmell nel 2019: “Esiste una quantità molto significativa di DNA di anguille“.

Non possiamo scartare la possibilità che ciò che la gente vede e crede sia il mostro di Loch Ness potrebbe essere un’anguilla gigante“.

“‘I subacquei hanno affermato di aver visto anguille grosse, che siano esagerate o no, non lo so, ma esiste la possibilità che ci siano anguille molto grandi presenti nel lago“.

Loch Ness il mostro reale lo prova il DNA
Nessie (foto@Flickr)

Sia che siano grandi fino a quattro metri, come suggeriscono alcuni di questi avvistamenti, beh, come genetista penso molto alle mutazioni e alle variazioni naturali, e mentre un’anguilla così grande sarebbe ben al di fuori della gamma normale, non sembra impossibile che qualcosa possa crescere fino a dimensioni così insolite.

Tuttavia, il dottor Gemmell ha anche ammesso che il 20 percento del DNA è stato classificato come “non identificato”, ma ha chiarito “probabilmente non c’è un gigantesco rettile squamoso che nuota intorno a Loch Ness“.

Ha aggiunto: “Siamo in grado di raccogliere quel DNA e ottenere un’indicazione molto accurata di ciò che era quel materiale, e nel tempo è possibile raccogliere una grande quantità di informazioni da anche solo un litro d’acqua“.

Ma i cacciatori di Nessie hanno detto che una piccola quantità “non identificata” è sufficiente per continuare la ricerca.

Steve Feltham, che detiene il Guinness World Record per la più lunga veglia continua sulle rive del Loch Ness, ha dichiarato al Telegraph nel 2019: “Continuerò a cercare, anche un ragazzo di 12 anni avrebbe potuto dirti che le anguille vivono nel lago. Questi scienziati sono semplicemente pronti a farsi un nome“.

Il fatto è che le persone hanno visto grandi creature qui per anni.

Gli studiosi del mostro di Loch Ness trovano una dozzina di riferimenti a “Nessie” nella storia scozzese, risalente al 500 d.C. circa, quando i locali scolpirono una strana creatura acquatica.

Tuttavia, solo nel 1933 è diventato noto a livello internazionale.

Il 2 maggio di quell’anno, una coppia scozzese locale rivelò al corriere di Inverness come avevano individuato “un enorme animale che rotolava e si tuffava in superficie“.

La storia del mostro di Loch Ness divenne un fenomeno mediatico durante quella notte e i giornali britannici inviarono giornalisti sulla scena.

Dopo alcuni giorni di ricerche nel lago, il cacciatore Marmaduke Wetherell riferì di aver trovato impronte.

I calchi in gesso delle impronte furono inviati al British Natural History Museum, che riferì che le tracce erano quelle di un ippopotamo.

Ciò non ha impedito a decine di turisti di scendere a Loch Ness, armati di binocoli e sedie a sdraio, sperando di scovare il mostro.

Next Post

Trova una valigia fa un TikTok ma il risultato è sconvolgente

Alcuni ragazzi hanno utilizzato la piattaforma social di TikTok per condividere il momento in cui ritrovano una valigia chiusa. Gli adolescenti hanno trovato la valigia su una spiaggia di Seattle, con il dipartimento di polizia della città che ha confermato che stanno indagando sull’incidente. Sono stati scoperti due bagagli, nel […]
Trova una valigia fa un TikTok ma il risultato sconvolgente