Lorella Cuccarini e le brutte esperienze con le colleghe

Pronta al grande ritorno sul palcoscenico televisivo, Lorella Cuccarini si mostra certamente molto emozionata ed entusiasta della grande opportunità offertale, ma allo stesso tempo non lesina neppure critiche, soprattutto ad alcune colleghe del passato, in una rivalità che il tempo non sembra affatto aver affievolito.

In una bella intervista al Corriere della Sera, Lorella ha raccontato di sé, della sua carriera costellata da successi come dei suoi progetti futuri, affrontando anche un bilancio delle amicizie e rivalità vissute nel passato con le colleghe.

L’ex showgirl in particolare non ha usato parole tenere per due sue ex colleghe, ovvero Heather Parisi e Alessandra Martines. Sulla prima non usa giri di parole: “Da zero a 10… in passato diciamo 3. Nel 1984 Heather, strepitosa, faceva “Fantastico”, l’anno dopo al suo posto c’ero io; è chiaro che una base per la rivalità, che pure fu montata, c’era. Poi eravamo due tipi, lei peperino, internazionale, io italiana ed ero la ragazza che tra tante ce la fa, e il Paese era pieno di storie come la mia“.

Più pesante le parole per la seconda: “Non era rivalità: era proprio non sopportarsi! Siamo molto diverse, e poi sua mamma stava sempre in mezzo“.

Con Alba Parietti  “eravamo concorrenti, ma solo in tv. Però non l’ho mai salutata“. Un po’ di veleno, poi, anche per Raffaella Carrà, definita un’amara delusione.

Per quanto riguarda gli amici invece, Lorella Cuccarini non ha esitato a inserire Pippo Baudo  nella schiera degli amici più veri, a proposito dei quali ha detto: “Non basta avere le occasioni, bisogna anche avere qualcuno che ti sorregga finché sai camminare da sola, se no ti bruci. Lo stesso a Mediaset fece Antonio Ricci. Marco Columbro; mio marito“.

Loading...
Potrebbero interessarti

Botta e risposta tra uomo e donna, il discorso è imbarazzante

Un discorso davvero imbarazzante tra un ragazzo e la sua amica sul…

Virginia Raggi: nessuno scoop, ho la cellulite come tutte

Dobbiamo ammetterlo: fin dal giorno del suo insediamento, e forse ancor prima,…