Luca Guadagnino e il suo film “Chiamami col tuo nome”
Luca Guadagnino e il suo film "Chiamami col tuo nome"

Luca Guadagnino e il suo film Chiamami col tuo nome (Call me by your name).

Dopo aver girato “Io sono l’amore” e “A Bigger Splash”, buoni lavori, il regista si cimenta con questo sua nuova opera.

Nel lavoro, contrariamente ad altri film di Guadagnino, si osserva un certo, inusitato trasporto del regista verso la storia, contrariamente allo stile messo in campo nei precedenti lavori.

La storia è bella e interessante, tratta da un romanzo di André Coman, e riguarda Elio, un ragazzo di 17 anni che si innamora di Oliver, uno studente di 24 anni.

Gli ambienti sono alla Visconti, tratteggiati su famiglie alto-borghesi, dove si parlano molte lingue, si studia musica classica, si leggono poesie e quant’altro.

Idee, quelle dell’alta borghesia e dell’omosessualità, che in qualche misura si riconnettono a Thomas Mann e proprio a Luchino Visconti. Un film per tutti: La morte a Venezia.

Atmosfere mollemente decadenti, dove probabilmente, anche se inconsapevolmente, Elio, ragazzino viziato, si trova a suo agio. Fragilità, malinconie, turbamenti adolescenziali sui quali sapientemente Luca Guadagnino non passa sopra.

Guadagnino, in conferenza stampa a Berlino, ha detto del suo lavoro: “E’ un film sulla trasmissione della conoscenza, e a me piacerebbe che diverse generazioni lo vedessero assieme”.

Bravo il giovane Timothée Chalamet nel suo ruolo.

Loading...
Potrebbero interessarti

Kevin Spacey, i terroristi sono solo isolati perdenti

In una Roma blindata, con la paura sempre altissima di attacchi terroristici,…

Il segreto anticipazioni scandalo nella soap Beatriz bacia il fratello

Un nuovo scandalo a breve si scatenerà nella soap Il segreto: infatti…