Mark Zuckerberg: come sarà il mondo secondo il re di Facebook

Eleonora Gitto

Mark Zuckerberg: come sarà il mondo secondo il re di Facebook.

Il giovane, o forse non più, Mark, prende carta e penna e scrive.

Carta e penna si fa per dire, ma comunque affida le proprie idee a una lettera.

Che oggi si chiama post, ma in fondo è la stessa cosa.

Nei suoi pensieri il futuro di Facebook e dell’umanità, cosa diventeremo.

E forse nei suoi pensieri, quelli più nascosti, anche il suo futuro: ormai è cosa abbastanza nota che stia studiando da Presidente degli Stati Uniti, magari già al prossimo giro, contro Trump.

Ma ora Mark pensa in maniera insistente, forte, alla comunità, al sociale: “Negli ultimi dieci anni Facebook si è focalizzato nel mettere in contatto amici e familiari. Il nostro prossimo obiettivo sarà quello di sviluppare l’infrastruttura sociale per la nostra comunità, per sostenerci, per informarci, per l’impegno civico e l’inclusione. Sostanzialmente tutto il contrario di quello che sostiene il buon Donald Trump”.

“E ancora: Il nostro obiettivo è rafforzare le comunità esistenti aiutando a unirci sia online che offline, così come a metterci in condizione di costituire comunità completamente nuove, a prescindere dalla localizzazione fisica. All’interno del miliardo dei membri attivi nei gruppi su Facebook, oltre 100 milioni di persone sono membri di ciò che noi chiamiamo gruppi molto significativi”.

Next Post

Protesta dei tassisti, a Roma più disagi rispetto alle altre città

Protesta dei tassisti, a Roma ci sono più disagi rispetto alle altre città. Dicono che a Roma ci sia una vera e propria lobby dei taxi, molto più che in altre città. Che nella capitale il livello di politicizzazione di questi lavoratori, più che di sindacalizzazione, sia altissimo. Non sappiamo, ma […]
Proteste dei tassisti, a Roma più disagi rispetto alle altre città