Mascherine agli ioni di rame, sono le migliori?

Redazione

Il rame è noto per il suo potere nel debellare i germi e persino aiutare a limitare la diffusione di infezioni come E. coli, Salmonella e influenza, e recenti studi scientifici hanno dimostrato che il rame ha il potenziale per combattere anche il nuovo coronavirus.

Uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine ha rilevato che il virus è durato solo poche ore sul rame, rispetto a pochi giorni su acciaio inossidabile e plastica, sebbene il New York Times osservi che i ricercatori non considerano le superfici la modalità principale di trasmissione umana del coronavirus ad una persona.

Mascherine agli ioni di rame sono le migliori

Gli utensili in rame sono stati usati per bere sin dall’antica India. Questo perché il rame è un materiale antimicrobico naturale che può sterilizzare la superficie da solo senza bisogno di elettricità o antisettico.

Un altro studio, pubblicato sulla rivista PLOS One, ha scoperto che le mascherine agli ioni di rame possono ridurre significativamente il rischio di contaminazione delle mani o dell’ambiente, e quindi successiva contaminazione, da manipolazione e smaltimento improprio delle maschere“.

Poiché il sistema immunitario umano utilizza il rame per combattere i microbi, secondo Michael Schmidt, professore di microbiologia e immunologia presso la Medical University of South Carolina, la capacità del rame di combattere i virus è come una “melagrana”. Ma affinché le mascherine di rame funzionino correttamente, la quantità di rame in esse contenuta deve essere sufficiente per combattere le particelle virali. A sua volta, il microbiologo Michael Johnson dell’Università dell’Arizona osserva che gli ioni metallici si trovano in circa il 40% delle proteine ​​con strutture note e quando il rame entra in una cellula o in un virus, può spostare altri ioni metallici che possono inibire o distruggere le proteine.

Tuttavia, la durata di tali mascherine è una preoccupazione, soprattutto se vengono lavate o disinfettate frequentemente, poiché molti prodotti per la pulizia della casa contengono composti che possono rimuovere gli ioni di rame. Secondo Williams Schaffner, direttore medico della US National Foundation for Infectious Diseases, l’idea che le mascherine agli ioni di rame proteggano dai virus meglio delle maschere convenzionali è “dubbia“.

È interessante notare che i ricercatori in precedenza credevano che l’uso del rame sulle superfici ospedaliere potesse aiutare a mantenere il virus sotto controllo, sebbene gli esperti abbiano avvertito che l’esposizione al rame non è istantanea e quindi non dovrebbe sostituire il lavaggio delle mani, l’allontanamento sociale e altre misure preventive per proteggersi dal nuovo coronavirus.

Next Post

Esiste una strana attività sismica in Islanda

Nel sud-ovest dell’Islanda gli esperti hanno registrato una serie di terremoti. Ciò suggerisce che nel prossimo futuro potrebbe verificarsi un terremoto sufficientemente grave, che porterà a conseguenze catastrofiche. Le scosse in Islanda sono state abbastanza lunghe, perché il paese si trova direttamente sulla linea di faglia. La maggior parte di […]
Esiste una strana attivita sismica in Islanda