Medicinali e droghe sul bus dove è morto Scott Weiland

Bello, ricco, famoso all’inizio, in caduta libera e soprattutto dannato negli ultimi anni: questo era Scott Weiland, ex leader degli Stone Temple Pilots  scomparso la sera di giovedì 3 dicembre.

Era in tour con la sua nuova band, i Wildabouts, quando è morto, un arresto cardiaco causato probabilmente dall’abuso di alcol e droghe fin dalla più tenera età, fino a costruirvi un legame davvero indissolubile nonostante i numerosi tentativi di rehab.

Ed ora si apprende che il tour bus dove è stato trovato senza vita il 3 dicembre scorso era imbottito di varie sostanze e medicine. La polizia ha rinvenuto cocaina, marijuana, viagra, calmanti, antidolorici, sonniferi e uno psicofarmaco che probabilmente l’ex leader degli Stone Temple Pilots assumeva dal 2001, quando gli era stato diagnosticato una patologia da disturbo bipolare.

A ritrovare il corpo senza vita di Weiland sarebbe stato un amico del musicista, contattato dalla moglie di Weiland, impossibilitata a raggiungere telefonicamente il marito; l’uomo si sarebbe recato sul tour bus e avrebbe trovato Scott Weiland privo di sensi, praticamente già morto, nella camera da letto del tour bus.

I risultati dell’esame tossicologico sul corpo del cantante non arriveranno comunque prima di un mese, e solo allora si saprà qualcosa di definito sulla sua tragica scomparsa.

Next Post

Naomi Campbell, foto choc in sedia a rotella

A pronunciare il suo nome, la si immagina camminare, con passo felpato, portamento fiero e sguardo di ghiaccio, come l’abbiamo vista migliaia di volte, negli ultimi vent’anni, mentre solcava le passerelle più importandi dell’intero globo. Ecco perché fa male vedere le foto di Naomi Campbell che stanno circolando in rete […]