Messico: Statua di Gesù bambino piange lacrime di sangue

Redazione

La statua del Gesù Bambino “piange lacrime di sangue” e la gente del posto pensa che sia un messaggio di Dio.

Come riportano i media locali, è la quarta volta che la stessa statua, ad Acapulco, in Messico, piange lacrime di sangue e la chiesa sta lavorando per verificare la veridicità.

Una statua che per i locali è la riproduzione del bambino Gesù, ha iniziato a piangere lacrime di sangue, e credono che sia un segno di Dio.

I residenti del villaggio rurale messicano Kilometro 42 ad Acapulco, dicono che tale manifestazione potrebbe essere una risposta al crescente crimine della zona.

Si sostiene che questa è la quarta volta in cui la statua di Gesù ha pianto lacrime di sangue nel 2019.

Secondo i media locali e come riporta il Mirror Online, la prima volta che la statua in ceramica, che è conservata in una residenza privata, ha sanguinato lacrime era il primo dell’anno.

I residenti credono che la statua stia esprimendo infelicità per i livelli di criminalità in ascesa nel distretto, che ha una media di 111 omicidi per ogni 100.000 abitanti, secondo il Consiglio dei cittadini per la sicurezza pubblica e la giustizia penale.

La residente locale Soledad Natividad Flores ha detto ai giornalisti: “Molte persone pensano che questa manifestazione sia opera del Diavolo, mentre altri credono che sia un messaggio di Dio”.

Un sacerdote di Tambuco ha confermato che i rappresentanti della Chiesa cattolica indagheranno sulle affermazioni per assicurarsi che nessuno si stia approfittando dei devoti.

Ha anche ammesso che potrebbe esserci una “spiegazione razionale perché non tutto è un fenomeno spirituale“.

Next Post

Si diffonde il Momo terrificante di Michael Jackson

Il terribile Momo, una sorta di Meme terrificante di Michael Jackson, sta facendo il giro del web. La polizia è stata costretta a rilasciare un avvertimento dopo che è emerso un inquietante video in stile Momo di Michael Jackson. La clip raccapricciante presenta una bizzarra figura del re del pop […]