Metà degli italiani non comprende le etichette e consuma alimenti scaduti

L’Italia è la patria della dieta mediterranea, il paese dove si mangia nel modo più corretto ed equilibrato, dove la qualità dei cibi è migliore e dove nei propri pasti si scelgono quegli alimenti con le migliori proprietà nutritive.

Ma è veramente così? A lanciare l’allarme è la Coldiretti: in Italia, nell’anno di grazia 2015, più di un italiano su due consuma cibi scaduti. “La maggioranza degli italiani per una percentuale del 55 per cento mangia gli alimenti oltre il limite di tempo indicato nelle confezione se la stessa non è danneggiata e se il prodotto sembra comunque in buono stato”, spiega l’associazione degli agricoltori.

Secondo Coldiretti molti italiani hanno problemi nell’interpretare correttamente le etichette e, in modo particolare, la differenza fra “da consumarsi preferibilmente entro il…” e “da consumarsi entro”. Quest’ultima dicitura è sia la data dopo la quale il prodotto non può più essere messo in commercio, sia quella in cui l’alimento non deve più essere consumato perché si potrebbe incorrere in problemi di salute.

Tale data di consumo si applica ai prodotti preconfezionati, rapidamente deperibili come il latte fresco (7 giorni) e le uova (28 giorni). È indicata dal giorno, il mese ed eventualmente l’anno e vale indicativamente per tutti i prodotti con una durabilità non superiore a 30 giorni.

Diverso invece il Termine Minimo di Conservazione (Tmc) riportato con la dicitura ‘Da consumarsi preferibilmente entro’ che indica la data fino alla quale il prodotto alimentare conserva le sue proprietà organolettiche e gustative, o nutrizionali specifiche in adeguate condizioni di conservazione, senza con questo comportare rischi per la salute in caso di superamento seppur limitato della stessa.

Loading...
Potrebbero interessarti

Torino, aggredisce l’ex fidanzata con l’acido e colpisce anche la nipote di lei

L’ennesimo caso di violenza gratuita sulle donne, l’ennesimo abuso che non verrà…

Napoli, sciame sismico avvertito a Pozzuoli

Una mattinata di paura quella di ieri per gli abitanti di Pozzuoli,…