Meteo, temperature bollenti fino a fine luglio

Ogni estate, puntualmente, a sentire i tg, è la stagione più rovente degli ultimi secoli, ma stavolta sembra che non stiano esagerando poi così tanto.

Ogni settimana la temperatura sta toccando picchi nuovi, e quando si sente dire che questa è l’estate più rovente degli ultimi 70 anni, non si stenta affatto a crederci.

E non è finita qui: “l’ondata di caldo proseguirà anche nei prossimi giorni a causa dell’anticiclone nord-africano che convoglierà roventi correnti sahariane fin sull’Europa Orientale, accentuando la canicola nell’area del Mediterraneo, dove le temperature potranno raggiungere picchi intorno ai 40 gradi”, hanno spiegato i metereologi, che confermano l’abbassamento delle temperature solamente verso la fine del mese.

”Durante la prossima settimana l’Anticiclone e l’aria bollente continueranno a dominare sull’Italia ma con una maggiore instabilità sulle zone montuose della nostra Penisola, non solo sulle Alpi ma anche in Appennino. In attesa di ulteriori conferme, la tendenza vede una attenuazione del caldo tra il 25 e il 26 ad iniziare dal Nord Italia, dove saranno possibili anche forti temporali, poi tra il 26 e il 27 le temperature caleranno anche al Centrosud”.

“Considerando solo Luglio e non l’Estate nella sua interezza, si tratta dell’ondata di caldo più intensa da 70 anni a questa parte (quindi caldo mediamente più intenso rispetto anche al Luglio 2003)” – spiega l’esperto di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara – “per ritrovare un evento di simile portata bisogna infatti tornare indietro fino agli anni 40, in particolare nelle annate 1945 e 1947, quando la nostra Penisola veniva ripetutamente interessata da masse d’aria roventi nord africane”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Milano, per evitare l’arresto spacciatore muore di overdose

La paura di finire dietro le sbarre ha avuto il sopravvento, ma…

Rioffredo, uccide la moglie e si toglie la vita davanti alla figlia di 8 anni

Un’altra tragedia familiare, forse un’altra di quelle che si poteva evitare, ma…