Amiga, antenato del personal computer lanciato 30 anni fa

Per lanciare una tecnologia a dir poco rivoluzionaria per l’epoca chi poteva essere scelto come testimonial se non l’eclettico Andy Warhol?

A lui, infatti, si deve il ritratto della cantante dei Blondie, Debbie Harry, che prese vita per mostrare le potenzialità grafiche della macchina che si stava lanciando: il 23 luglio del 1985 fece il suo debutto sul mercato Amiga, quello che è considerato a tutti gli effetti il primo persona computer.

Amiga era originariamente una piattaforma informatica ideata da una piccola compagnia statunitense chiamata Hi-Toro, a cui lavorava un gruppo d’informatici e ingegneri. Da console per i giochi il progetto si trasformo’ in un vero e proprio personal computer abbinato al sistema operativo AmigaOS. Nacque poi la piattaforma soprannominata Advanced Multitasking Integrated Graphics Architecture, cioè l’acronimo di Amiga.

Il destino di Hi-Toro, poco più tardi, si unì a quello di un’altra casa produttrice informatica, la Commodore: la piattaforma raccolse consensi, il pubblico di esperti la osannò, ma gli amministratori di Commodore la condussero ad una inesorabile bancarotta nel 1994.

In realtà però non è mai morta: in 30 anni la piattaforma è stata tenuta in vita da una serie di programmatori e utenti, affezionati anche ai giochi creati ‘ad hoc’ come Civilization, The Settlers, Wings, Arabian Nights, Monkey island e Sensible Soccer.

Loading...
Potrebbero interessarti

Amazon si apre alla vendita di alimentari sul sito italiano

Come fa presente Alessandro Perego, direttore scientifico degli Osservatori Digital Innovation del…

Brevetto italiano per rendere gli smartphone ancora più sottili

La strada intrapresa sul mercato degli smartphone è la medesima per tutti…