Michael J. Fox, dopo il Parkinson un’altra battaglia

Michael J. Fox messo nuovamente a dura prova per un nuovo problema di salute.

Michael J. Fox, l’attore della trilogia di Ritorno al futuro, oltre a combattere contro il morbo di Parkinson, ha rivelato una seconda battaglia che sta cominciando a combattere per un problema al midollo spinale in una intervista al New York Times Magazine.

Mi è stato detto che era benevolo, ma se fosse rimasto statico sarebbe diminuita quella sensazione nelle mie gambe e la difficoltà nel movimento“, ha detto. “Poi all’improvviso ho iniziato a cadere. Stava diventando ridicolo. Stavo cercando di analizzare quello che era il Parkinson e qual era la cosa spinosa.

Il misterioso problema di salute è diventato così serio che la star di “Ritorno al futuro” ha dovuto sottoporsi ad un intervento chirurgico alla colonna vertebrale.

Quindi ho subito un intervento chirurgico e successivamente un’intensa terapia fisica. Ho fatto tutto e alla fine la gente mi ha chiesto di recitare nuovamente“, rivela l’attore.

Tuttavia, Fox è tornato in ospedale ad agosto dopo essere caduto nella sua cucina mentre andava al lavoro. Ha detto che ha usato l’incidente come promemoria per tenere sotto controllo il suo ottimismo sulla sua salute.

Penso che qualcosa di inaspettato ovviamente c’è stato, ma c’è da imparare da questa situazione. Nel mio caso, cosa mi ha fatto saltare velocemente dal corridoio in cucina pensando che stavo bene quando ero stato su una sedia a rotelle sei mesi prima? È perché avevo delle aspettative ottimistiche su di me e avevo avuto dei risultati che supportavano quelle aspettative, ma avevo alle spalle anche dei fallimenti ed in realtà non avevo dato lo stesso peso proprio a quei fallimenti“, ha rivelato l’attore.

Da quando gli è stato diagnosticato il Parkinson nel 1991, Michael J. Fox ha mantenuto il segreto sulla sua salute fino al 1998. È diventato un sostenitore della ricerca di una cura per la malattia e ha fondato la Michael J. Fox Foundation nel 2000.

Ero così spaventato, non conoscevo nulla del Parkinson. Qualcuno mi diceva che la mia vita sarebbe cambiata completamente. Si? Quando? Adesso sto bene, ma all’epoca la domanda non era “Sto bene adesso” ma era ‘Quando starò male?’ “, rivela l’attore nell’intervista.

E non ne sono stato cosciente fino al ’94 quando ho cominciato a rendermi conto della situazione, quando ho iniziato ad accettare la malattia, e l’accettazione non significa rassegnazione. Significa capire e trattare il problema“.

Loading...
Potrebbero interessarti

Leonard Nimoy dal vizio del bere al sesso le confessioni dell’amico

Tanti piccoli segreti svelati dall’amico William Shatner, riguardo la vita privata di…

Giorgio Manetti, con Gemma è stata un’avventura meravigliosa

Lo scorso sabato Silvia Toffanin aveva dato spazio a Gemma Galgani, nel…