Modena, arrestato un uomo sospettato dello sfregio al primario

Eleonora Gitto

I Carabinieri di Modena hanno arrestato l’uomo che avrebbe sfregiato a novembre il primario di cardiologia.

Il primario di cardiologia Stefano Tondi era stato fatto oggetto di un’aggressione con la soda caustica il 10 novembre, proprio di fronte alla sua abitazione e al cospetto del figlio.

Sembra che l’aggressore sia stato individuato nella persona di Daniele Albicini, che precedentemente aveva avuto una relazione con l’attuale compagna di Tondi.

Albicini ha 59 anni, risiede a Palagano ed è dipendente del distretto sanitario di Sassuolo. Le accuse sono estremamente gravi: tentato omicidio pluriaggravato e lesioni aggravate.

Con tutta probabilità, stando alle informazioni raccolte dagli inquirenti, i motivi della barbara aggressione riguardano la gelosia e il desiderio di vendetta dell’Albicini.

Il Comandante Provinciale dei Carabinieri, colonnello Giovanni Balboni, e il Prefetto di Modena Patrizia Baba, si sono recati in ospedale, dove attualmente il primario è ancora ricoverato, per annunciargli l’arresto di Albicini.

In un incoraggiante videomessaggio il dott. Tondi ha annunciato che le sue condizioni vanno migliorando e che probabilmente non perderà la vista. Arresto e dramma della gelosia a parte, questa è la notizia di gran lunga più bella e confortante.

Next Post

Milano, inaugurata la nuova sede Fondazione Feltrinelli

Fondazione Feltrinelli, la nuova sede inaugurata a Milano. Code a non finire per l’inaugurazione della nuovissima sede della Fondazione Feltrinelli. La location si trova a Porta Volta e la struttura è davvero bella, agile, avveniristica: un pensiero alla cultura nel senso più classico del termine, e un pensiero al futuro, […]
Milano, inaugurata la nuova sede Fondazione Feltrinelli